Welcome to Scatterbrain

Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to contribute to this site by submitting your own content or replying to existing content. You'll be able to customize your profile, receive reputation points as a reward for submitting content, while also communicating with other members via your own private inbox, plus much more! This message will be removed once you have signed in.

Sig.Bakke

Members
  • Content count

    4,066
  • Joined

  • Last visited

About Sig.Bakke

  • Rank
    I Will
  • Birthday 12/12/1986

Profile Information

  • Gender Male
  • Location Città di Castello
  • Interests Un po' di roba.

Contact Methods

  • MSN sig.bakke@hotmail.com
  • Website URL http://www.alessandrobacchetta.com
  • AIM .
  • Instagram 66318847
  • Yahoo .

Recent Profile Visitors

8,108 profile views
  1. Sono d'accordo con tutto quello che hai scritto, ma questa chiusura furiosa mi ha fatto schiantare, sono qui a ridere da un minuto
  2. È bello, non tratta la rivalità ma la singola partita e, soprattutto, la dimensione commerciale/spettacolare degli us open (che allora era in piena espansione). Non parla moltissimo di tennis a differenza di altri saggi di Wallace a dire la verità. Il suo più bel pezzo su questo sport rimane quello su michael joyce per esquire (http://www.esquire.com/sports/a5151/the-string-theory-david-foster-wallace/)
  3. Credo che in quell'edizione ci sia anche quello su Sampras/Philippousis
  4. Io la adoro. Ho ascoltato moltissimo Born to Die (edizione deluxe, ci sono delle perle tra le aggiunte) e Ultraviolence è un disco eccezionale che, tra l'altro, è stato giustamente acclamato dalla critica. Ammetto di aver sentito poco della roba post Ultraviolence, ho il sospetto abbia già raggiunto l'apice.
  5. Una bomba davvero!
  6. Ma un bel post iniziale che riepiloghi consigli ecc...? Oggi Colin ha fatto questa playlist a riguardo, una bomba: http://www.bbc.co.uk/programmes/b08y9qn0#play Pezzo che non conoscevo che più mi è piaciuto: Mentre consiglio mio dai dischi paterni che, ho notato, non è stato finora citato (andate a 3.15 se non lo conoscete e non avete voglia di aspettare):
  7. il saggio è bellissimo, il libro una truffa per quantità/prezzo
  8. Lui aveva previsto un dominio totale di djoko nel 2016 e 2017, anni in cui avrebbe avvicinato e forse raggiunto i 17 slam di federer. Ciaone. A sua discolpa va detto che, onestamente, quello che ha fatto federer nel 2017 non era preventivabile e non ha precedenti. Dovesse continuare questo stato di grazia - e non continuerà a lungo, credo - al posto che meraviglia inizierà a stimolare terrore. Come in Highlander quando scoprono che McCloud è sopravvissuto perché immortale e viene cacciato dal villaggio...
  9. Questa cessione è dolorosa, sul piano calcistico e umano. Bonucci era - è - uno juventino vero e sarebbe stato perfetto per preservare e trasmettere il dna aziendale nei prossimi anni. Con Buffon agli sgoccioli e Marchisio in panchina, il prossimo anno rischiamo di iniziare la stagione senza nemmeno uno juventino nella juventus. Brutta cosa e brutta faccenda.
  10. uaua fatto! avevo arretrati
  11. Solo chi non ha visto Wimbledon 2010 o gli US Open 2014 può pensare che sia facile, quindi occhio e sangue freddo. Per me Djokovic avrebbe perso comunque questo quarto, infatti si è ritirato già sotto: avesse vinto il primo scommettiamo sarebbe rimasto in campo?
  12. È morto lo streaming, se qualcuno mi mandasse un PM gliene sarei grato
  13. Ho gufato quasi cinque ore di fila. Magico Muller, che partita! Viva l'erba!
  14. Mi sono espresso male: non è tanto questione di velocità ma di altezza del rimbalzo. Le superfici negli ultimi anni sono andate verso l'uniformazione della velocità - con alti e bassi, vedi roland garros 2011 o aus17 molto veloci - ma la grossa differenza continuano a farla i rimbalzi. La grossa differenza tra cemento e terra rimane soprattutto grazie a questo (oltre ai movimenti in scivolata) ovvero per il modo in cui la terra enfatizza le rotazioni, sia topspin che backspin. Idem per l'erba che rispetto al cemento magari rallenta pure, ma la pallina la fa alzare molto meno e proprio per questo avvantaggia i battitori e/o attaccanti. Non è un caso che Nadal tutte le volte - a parte una - che ha superato la prima settimana sia arrivato in finale: meno erba = più rimbalzo e più lentezza. La grossa differenza tra aus17 e, che so, aus2014, non sta tanto nella velocità in quanto tale, quanto nei rimbalzi bassi quasi da usopen dei tempi d'oro.