Welcome to Scatterbrain

Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to contribute to this site by submitting your own content or replying to existing content. You'll be able to customize your profile, receive reputation points as a reward for submitting content, while also communicating with other members via your own private inbox, plus much more! This message will be removed once you have signed in.

echoes

Members
  • Content count

    16,278
  • Joined

  • Last visited

About echoes

  • Rank
    no light in the dark

Profile Information

  • Gender Male
  • Location walking city
  • Interests zero...la mia banca è differente!

Contact Methods

  • Website URL http://
  • Instagram 0
  1. Beh, che dire, concerto imperdibile. Anche la location merita... Io deciderò in questi giorni: da una parte vorrei lasciare il concerto romano a sedimentare per anni.
  2. No.
  3. Beh in realtà, da come ho capito, Alfa Romeo compare principalmente a livello commerciale perché il team resta Sauber e il motore resta Ferrari. Insomma non credo ci saranno tecnici Alfa Romeo a sviluppare aerodinamica o meccanica.
  4. Film di intrattenimento, buono per passare un paio d'ore senza pensieri. Lavorato in maniera poco hollywoodiana e quindi più che godibile, pecca molto nella rappresentazione del personaggio "McEnroe" approfondito poco e trattato in maniera squilibrata rispetto a Borg che finisce per diventare il protagonista della pellicola (anche perché avente ben altro spessore umano). Nota di merito per il lavoro sui suoni (sempre considerando che parliamo di cinema "pop"): sottolineature interessanti sui suoni di campo (da tennis ), uso bilanciato delle musiche. Rispetto a "Rush" molto meglio, tanto per restare in tema di cinematografia sportiva.
  5. Ringrazio @Gasba e @TomThom per la dritta su The Square, film stratosferico. Appena ho tempo butto giù due righe, ho proprio una voglia matta di rielaborarlo perché ha lasciato davvero tanto.
  6. U2

  7. La title track è un capolavoro. Puzza di dark, azzarderei addirittura di prog.
  8. Tempo di voti! Fort Knox 7.5 Holy Mountain 4 Keep On Reaching 7.5 It's a Beautiful World 8 She Taught Me How To Fly 7 Be Careful 9 Black&White Sunshine 3 Interlude 8 If Love Is The Law 6.5 The Man Who Built The Moon 9 End Credits 8
  9. Vedo questo disco come il completamento di un percorso artistico che parte nel 2011. Dopo aver percorso strade sicure con qualche escursione in lidi sconosciuti, Noel approda finalmente in un territorio nuovo, una dimensione che gli appartiene da sempre ma che mai aveva sviluppato con questa convinzione e perseveranza. L'uomo che ha costruito la luna è forse il primo disco pienamente targato Noel Gallagher&HFB, il primo disco in cui davvero si sente un'emancipazione dai riferimenti di sempre. La scrittura è sempre la sua, e guai se così non fosse, ma stavolta miscela ingredienti che in passato aveva usato solo come decorazione estemporanea senza strutturarci un menu vero e proprio. Le atmosfere notturne di Alone on The Rope, la vena electro-psych di Let Forever Be, la passione per il groove, per la psichedelia che odora di '70 diventano finalmente fondanti e non più toccate marginalmente. Ogni pezzo è un microcosmo di suoni ricercati e stratificati, il tutto proiettato in una dimensione sanamente "ignorante" made in Manchester. E' un disco che vive di contrasti: si passa dalla notte alla policromia, dal cazzeggio di Holy Mountain alla tensione sinistra della title track, dalle chitarre spaziali ai bassi da club. Tutto al posto giusto, o quasi. Per me è un lavoro esaltante.
  10. Più pirla di Bonucci che fa i tackle nella propria porta.
  11. Ma basta mettere video, sentiti 'sto disco.
  12. A 'sto giro Natalino ha piazzato il disco bomba, poche storie.
  13. Oh, a me il disco è piaciuto parecchio. C'è un leitmotiv pop-psych che lo attraversa, con atmosfere policrome che si mischiano a un mood notturno anni '70 con grande efficacia. Tanto groove (la più figa è in pratica la versione migliorata di A Punchup At Wedding) e diversi pezzi bomba; le strumentali sono spettacolari e sembrano uscite da Virgin Suicides degli AIR. Purtroppo le solite due cagate Oasis nostalgiche, ma si perdonano. Prima impressione molto buona, al di sopra delle aspettative.
  14. U2

    Credo sia la cosa peggiore che abbia sentito da 15 anni a questa parte. Roba che in confronto Finestre Rotte è Also Sprach Zarathustra.
  15. U2

    Ma veramente voi avete il coraggio di premere play su un nuovo disco degli U2?