Jump to content

Gasba

Members
  • Content count

    2,643
  • Joined

  • Last visited

About Gasba

  • Rank
    No Hay Banda
  • Birthday 02/13/1990

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Roma

Recent Profile Visitors

6,030 profile views
  1. Gasba

    Guess the RH song (indovina con un'immagine)...

    This is a low flying panic attack?
  2. Gasba

    Un film al giorno Vol. 2

    Dipende da caso a caso, non faccio assolutismi. Se la qualità del doppiaggio è davvero buona in linea di massima tendo a preferirlo, almeno per la prima visione. Proprio perché mi è caro il lavoro del regista, vorrei godere delle immagini in maniera immediata, senza che gli occhi debbano saltellare continuamente tra il fondo e il centro dello schermo. I sottotitoli, oltre a deturpare l’immagine, sviliscono la potenza del montaggio, proprio perché modificano il ritmo di quel che si osserva. Ad ogni modo se si conosce la lingua ovviamente non ci sono problemi. Con l’inglese spesso fila tutto liscio, ma se già parliamo di francese per me è un casino, o ancora peggio di russo, tedesco, polacco ecc. Non c’è possibilità di capire nulla, e quindi si è vittima dell’egemonia del sottotitolo. E se devo passare due ore a leggere parole scritte, con le immagini che scappano via appena provo a guardarle, tanto vale comprare la sceneggiatura originale e leggerla in treno. In un film di Tarkovskij ad esempio, devo essere in grado di godere nello stesso momento delle immagini meravigliose e dei testi poetici spesso in fuori campo. Se lo guardo sottotitolato devo fare una scelta impossibile tra l’uno e l’altro, e quindi opto per le immagini. L’immagine ha una potenza primordiale ben più profonda della giovane parola, e ha un impatto più diretto con le nostre immagini interiori. Lo scontro sincronico tra immagine e parola è ancora più importante e sottovalutato. Ciò è valido come ripeto in particolare per le prime visioni, perché bisogna permettere alle immagini di sorprenderci e di costruire pian piano i loro meccanismi di senso. Una volta che questa porta è sfondata, si può tranquillamente rivedere il film in lingua originale e godere della “spazialità” delle voci, che è infondo l’elemento che più si perde nel doppiaggio. I film di Lynch ad esempio guadagnano radicalmente in originale, proprio perché c’è Lynch stesso al sound design, e rende tutte le voci attutite, lontane, in un’altra dimensione, e questo ha conseguenze rilevanti su l’atmosfera complessiva.
  3. Gasba

    gasba e bedohead?

    Grazie!
  4. Gasba

    Un film al giorno Vol. 2

    E vabbé ci credo! Sono due generi opposti e difficilmente confrontabili. Il Sacred Deer è una (anti)tragedia in salsa horror, si confronta con l’Ifigenia; La Favorita è una commedia - o almeno una commedia secondo Lanthimos - non ci si può aspettare lo stesso tipo di emozioni. Però capisco quel che dici e penso abbia delle motivazioni precise. In effetti il film gioca proprio sulla forma, sulla “messa in scena” vera e propria e il suo insopportabile buonismo, è una satira feroce sull’ipocrisia del cinema. Questo lo rende un film molto femminile, a modo suo, in quanto le donne hanno questo modo caratteristico di duellare a suon di sorrisi e coltellate sulla schiena, molto diverso dal duellare maschile più diretto. Il servilismo ipocrita della giovane arrivista si riflette benissimo con l’ipocrisia del cinema nei confronti dello spettatore, disposto a credere alle peggiori stronzate pur di soddisfare i propri capricci. Il film è migliore non solo del pessimo Marie Antoinette di Coppola figlia – un esempio settecentesco del cinema falso di cui sopra – ma anche di uno qualsiasi degli ultimi di Tarantino, tanto per citarne due che davvero pensano a fare solo i fichi. Da Barry Lyndon eredita il distacco anti-emotivo e quella dose di sadica freddezza, ma infondo Lanthimos mi sembra debitore di Kubrick in toto, anche nel sapiente uso del grandangolo o comunque in generale per le atmosfere allucinate e senza dio – fermo restando che parliamo di due galassie/poetiche diverse.
  5. Gasba

    Un film al giorno Vol. 2

    Che non ti abbia lasciato nulla è plausibile e legittimo (specie se cercavi una "visione da oscar")... ma tutta superficie perché mai?
  6. Gasba

    Un film al giorno Vol. 2

    Chi è in vena di filmoni vada a vedere The Favourite.
  7. Gasba

    Guess the RH song (indovina con un'immagine)...

    After years of waiting nothing came
  8. Gasba

    "...2018, 2018, 2018..."

    Felice che ti sia piaciuto! Io c'ero andato abbastanza in fissa, è stata mia colonna sonora natalizia
  9. Gasba

    Guess the RH song (indovina con un'immagine)...

    Posso dire che "pirla" detto da un romano è un po' tanto da pirla?
  10. Gasba

    Thom: mini-tour in Europa

    Ma chi suonerà in apertura? Sempre Oliver Coates?
  11. Gasba

    Guess the RH song (indovina con un'immagine)...

    Replico con una abbastanza facile (credo):
  12. Gasba

    Guess the RH song (indovina con un'immagine)...

    "Tears of joy now scare ourselves... " ecc. ecc. Polyethylene?
×