Welcome to Scatterbrain

Register now to gain access to all of our features. Once registered and logged in, you will be able to contribute to this site by submitting your own content or replying to existing content. You'll be able to customize your profile, receive reputation points as a reward for submitting content, while also communicating with other members via your own private inbox, plus much more! This message will be removed once you have signed in.

Sexbeatles

Members
  • Content count

    7,442
  • Joined

  • Last visited

About Sexbeatles

  • Rank
    Il più supponente della board, altrochè
  • Birthday 04/01/1984

Profile Information

  • Gender Male
  • Location Pythagoras' City
  • Interests TAN 10,5% ,TAEG 12%

Contact Methods

  • MSN vincentsorrentino@hotmail.it
  • Instagram 0

Recent Profile Visitors

14,756 profile views
  1. Il disco è l'ulteriore passo di Noel nell'uscita da un recinto artistico che il brand Oasis gli aveva costruito intorno, e anche un po' dalle aspettative dei fan verso il suo percorso solista: pezzi midtempo, magari acustici, per riempire i pomeriggi di TomThom. Niente di male se avesse continuato (comfort zone e più vendite), ma molto bene così, a contaminarsi un minimo dopo i 50. Alla fine è contaminazione, nulla di stravolgente, ma si sente che questa freschezza può regalargli una seconda giovinezza artistica. Questo è il primo passo, un album mostruosamente uptempo, inno alla gioia degli accordi in maggiore e di una produzione cinematica e saporosa, tanto di cappello a David Holmes per averlo convinto a farlo e soprattutto a finirlo! Rimarrà il primo passo e spero non l'ultimo, perché robe come It's a Beautiful World, Be Careful What You Wish For, Keep on Reaching e la title track sono Noel al meglio, le Dead in the Water (commoventi di sicuro) non sono mai mancate, e non è ancora il tempo della pensione col pilota automatico per The Chief.
  2. Anche scatter ha i suoi Parka Monkeys quindi! Dopo comunque la smetto di prendervi in giro ed elaboro il mio parere.
  3. Ok.
  4. Proprio un Don Pirlotte.
  5. E' qui tra noi.
  6. Aspettando Who Built the Moon? Ma quanta classe in questa What a Life?
  7. Invece le cover band di Bon Iver vengono a citofonarti a casa come i Testimoni di Geova. Ma che criterio è poi? A parte questo, secondo me nè loro, nè Vernon sono "padroni" di questo decennio. Credo anche che questa definizione sia ahimè appartenente a nessun artista; in quanto a fama forse si potrebbe annoverare un paio di artisti hip hop, ma non corrisponderebbe a livello di ispirazione o game changing. Se è innegabili che le migliori produzioni al momento appartengono a quel mondo, è altrettanto vero che la produzione è un'edulcorazione, non la vedo in quella situazione come un vero sforzo creativo dalla radice, e dipende soprattutto dal giro di danaro dell'ambiente hip hop, che è paragonabile a quello del rock fino ai 90's. Nessun padrone, in definitiva.
  8. E' miracoloso e basta, poi siete proprio dei poveri di spirito a sottovalutare Sky Took Hold, ma questa non è una novità. Se i pezzi deboli in sto disco sono Mourning Sound (pezzo pop vincente) e Systole (parentesi eterea da scompenso cardiaco dopo tutto quel ben di Dio che viene prima), sto disco è a mani bassissime album dell'anno. Top 3 per me: Aquarian Cut-Out Wasted Acres
  9. Secondo me più pirla, ma vabbè. A prescindere da ogni tipo di appartenenza religiosa o meno, non c'è nulla di più maleducato di uno che sta lì a scrivere bestemmie, manco a dire che gli scappa e la dica nel mezzo della giornata (a chi non capita?). Questo apre il forum, va a trovare il topic e perde tempo a scriverla. Insomma, che cresca un attimino e rispetti il decoro.
  10. La terza secondo la descrizione di Noel (quindi da prendere con pinze da fabbro) dovrebbe avere un mood alla Dr John, Sly and Family Stone. Quindi o ficata o cacata.
  11. Galeotto quel basso. Bomba H.
  12. Mamma mia ragazzi, questo topic sta raggiungendo vette da lettere a Cioè degli anni 90. Che mestizia.
  13. Holy Mountain.