Jump to content

Recommended Posts

dopo gli speciali Radiohead & The Stepford Wives e Thom & Neil Young terza puntata degli speciali, questa volta su Thom e R.E.M.

tutto cominciò nel 1995 quando i R.E.M. scelsero i Radiohead come band di supporto al loro tour europeo e nord americano, durante il quale registrarono l'album New Adventures In Hi-Fi. I Radiohead quell'anno avevano fatto uscire The Bends. Qualcuno si ricorderà di uno storico concerto R.E.M. + Radiohead a Catania, il 6 agosto 1995.

promo1995-09-13.jpg

Nacque così una solida amicizia fra il cantante dei R.E.M. Michael Stipe e Thom Yorke.

Durante il Tibetan Freedom Concert del 1998 Thom cantò assieme ai R.E.M. due brani tratti da New Adventures In Hi-Fi, Be Mine e E-Bow The Letter (prendendo in quest'ultima il posto di Patti Smith) e Stipe ricambiò il favore interpretando Lucky insieme ai Radiohead

Be Mine

E-Bow The Letter

Lucky

inoltre, nel 2009, durante il tour in America Latina i Radiohead eseguirono il brano The One I Love, tratto da Document

The One I Love

Nel 1997, quando Thom Yorke cadde esausto durante il tour di Ok Computer chiese aiuto al più navigato Stipe che gli diede suggerimenti preziosi su come affrontare l'improvviso e imprevisto ritorno di successo e notorietà. Suggerì a Thom una specie di mantra da ripetere che diceva "I'm not here, this isn't really happening" che divenne poi il ritornello di How To Disappear Completely.

nothere.gif

L'influenza della musica di R.E.M. su Thom e i Radiohead è testimoniata in canzoni del periodo Pablo Honey, come Lurgee (che ricorda Good Advices contenuta in Fables Of The Reconstruction), in cui i Radiohead facevano un largo uso di chitarre Rickembaker (le stesse del chitarrista dei R.E.M. Peter Buck).

Un caso interessante è There There, il cui schema di chitarre pungenti su tamburi marziali ricorda da vicino un brano dei R.E.M. contenuto in Monster, I Don't Sleep I Dream.

http://www.youtube.com/watch?v=0WRebGLoZEo

In brani più recenti come Jigsaw Falling Into Place, A Wolf At The Door e Skip Divided Thom canta con un registro basso e nasale asssai simile a quello usato spesso da Michael Stipe. Inoltre Colin Greenwood ha raccontato che nel 2005 i Radiohead registrarono una versione di House Of Cards acustica, stile R.E.M. in cui Jonny suonava il basso. Probabilmente non doveva discostarsi molto da questa versione.

http://www.youtube.com/watch?v=5tb3NH9PnaI

Share this post


Link to post
Share on other sites

vabbè poi ci sarebbe questa...

è solo una supposizione, ma se ci avessi pensato prima del 21 ottobre l'avrei chiesto faccia a faccia al diretto interessato...

radiohead-in-rainbows.png

rem+orange.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

altra aggiunta: Thom Yorke parlando con un fan si mise a tessere lodi di Laughing, una traccia dell'album di debutto dei R.E.M. Murmur

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non sbaglio Stipe ha dedicato una canzone a Thom...Hope, che si trova in Up.

Questa non me la ricordavo...

Ricordo però all'uscita, 'up' venne molto accostato ai radiohead di ok computer come influenza musicale. soprattutto in riferimento ad alcuni momenti poco 'rem' (si veda la canzone iniziale, airportman). questo accostamento venne avvalorato dall'intervento in fase di produzione di Up di Nigel Godrich come riporta la pagina in americano di wikipedia (http://en.wikipedia.org/wiki/Up_(R.E.M._album).

OT: il prossimo album dei rem si chiamerà Collapse Into Now e uscirà sembra nei primi mesi 2011. ci sarà un duetto con Eddie Vedder: cosa che anni fa mi avrebbe fatto fare i salti di gioia, oggi un (bel po') meno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non sbaglio Stipe ha dedicato una canzone a Thom...Hope, che si trova in Up.

La smentita è in un'intervista di Stipe al Q magazine, del '99, citata tra l'altro nella voce wiki linkata da emmebr.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altra idea, balzata in mente all'acquisto di Lifes Rich Pageant.

immaginear.jpg e immagine3i.jpg

Certo, nell'artwork dei R.E.M. ogni frase era correlata alla canzone però, così, associazione d'idee. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pagina da un diario di Thom Yorke del 1995, mentre la band era in tour coi REM (che stavano registrando New Adventures In Hi-Fi).

Giovedì 3 Agosto, Oslo

Vedo per la prima volta il biglietto di addio del suicidio di Kurt Cobain nel retro della maglietta di qualcuno. Seguo questa ragazza in giro per vari negozi nel tentativo di leggerlo. Parla dell’essere malinconici. Tutti qui sono biondi e di bell’aspetto, e tutti i loro abiti sono color arancio, il mio colore preferito. Sono veramente orgoglioso di come abbiamo suonato stanotte. C’è una nuova canzone che si chiama Lucky e credo sia la migliore che abbiamo mai suonato. Il palazzotto ha questa acustica immensa e le voci rimbalzano intorno. Ho i brividi per tutta la durata della canzone e faccio le smorfie come un idiota. Vedere i REM stanotte mi fa pensare a quanto sono giganteschi e quanta strada hanno fatto. Ora, ovviamente, Bill Clinton scrive loro delle lettere e suonano negli stadi. Non è questa la mia definizione di un futuro idilliaco. Brevemente, considero quanto a lungo possono durare i Radiohead. Passo tuttora giorni in cui vorrei timbrare tutti i miei fantastiliardi di completamente inutili miglia d’aria percorse e mandare tutto affanculo per sempre in una capanna a Kare Kare in Nuova Zelanda con la sua vita di Piante di Alen, ma poi…..? La macchina REM è sbalorditiva. Com’è possibile ristabilire l’equilibrio nella tua testa in mezzo a tutta questa roba ed essere un gruppo di ragazzi con chitarre e batteria e un paio di microfoni? Penso che la risposta giusta siano canzoni come “Strange Currencies” o una appena scritta chiamata “Undertow”. Canzoni che mi farebbero frenare di colpo nel bel mezzo dell’autostrada e fare curve a gomito fino a quando non finiscono. Cos’altro c’è nella vita oltre a momenti d’oro come questi? Ascoltare “Finest Worksong” mi fa sentire come se fossi alto dieci piedi e potessi schiacciare tutto lungo la mia strada. Suono a tutti una canzone nuova nel camerino (che è una toilette). Si chiama “No Surprises Please”. Colin [il bassista] ne va matto. Dopo, cerco di non ubriacarmi selvaggiamente ma fallisco il tentativo. Esco a ballare e sfogo la mia aggressività incontrando una coppia di maschi nordici che fanno mostra della loro fiacchezza ballando su Tracksuits. Poi ballo su Root Down dei Beastie Boys. Mi sento molto meglio.

 

Bella, vero? :) 

  •  

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minutes ago, demos said:

Dove l'hai trovata Lac?

Su un topic qui su scatter.

Oh, mò lo dico: il mio sogno è di sentire la voce di Michael Stipe nell'Lp9 duettare con Thom. Sarebbe l'apoteosi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 30/11/2010 at 8:48 AM, petlifesaver said:

comunque questo è il lacatus che mi piace, il preciso archivista e non quello permaloso :clapclap:

condivido, adoro Lacatus quando scova queste notizie, come la pagina del diario di Thom del '95.

Adoro questa sezione da sempre, questo e Thom e Neil Young sono i miei soggetti preferiti.

Quale era la versione acustica di House of cards, che il video è stato rimosso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma questo diario da dove viene?

cioe' era in forma cartacea? è stato pubblicato? se ne sa qualcosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minutes ago, @li said:

ma questo diario da dove viene?

cioe' era in forma cartacea? è stato pubblicato? se ne sa qualcosa?

Q Magazine dell'Ottobre 1995

http://scatterbrain.altervista.org/mb/index.php?/topic/1460-lucky/&do=findComment&comment=12065 ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minutes ago, clarisse said:

Quale era la versione acustica di House of cards, che il video è stato rimosso?

Eccola! Era un'altra canzone praticamente. Si nota una certa somiglianza con Kohoutek, dall'album Fables Of The Reconstruction.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minute ago, Lacatus said:

Eccola! Era un'altra canzone praticamente. Si nota una certa somiglianza con Kohoutek, dall'album Fables Of The Reconstruction.

grazie! quella è stata l'unica versione della canzone che mi è sempre piaciuta

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, clarisse said:

grazie! quella è stata l'unica versione della canzone che mi è sempre piaciuta

A me piace in tutte le salse :) E' una delle poche cose di In Rainbows che mi convince al 100%.

Just now, @li said:

 ritrovato un link funzionante del brano originale

 

http://www.followmearound.com/presscuttings.php?year=1995&cutting=33

Wow, grazie @li. C'è tutto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×