Jump to content
Sign in to follow this  
Lacatus

Twist

Recommended Posts

Just now, modifiedbear said:

Poca roba dei rh potrebbe definirsi hollywoodiana

Ma manco questa è hollywoodiana, è solo un pezzo smaccatamente "pop" come tanti altri che hanno composto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

2 minutes ago, echoes said:

Ma manco questa è hollywoodiana, è solo un pezzo smaccatamente "pop" come tanti altri che hanno composto. 

Dissento. Pad, orchestrazioni, cori angelici, cieli stellati, piano ultra post-prodotto.. Disney.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, echoes said:

Ti do una notizia: secondo questo criterio buona parte dei pezzi migliori dei Radiohead sono paraculate laccate e patinate.

Sicuramente lo è Daydreaming, che infatti non ho mai amato proprio per questo motivo: Disneydreaming

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Lacatus said:

Sicuramente lo è Daydreaming, che infatti non ho mai amato proprio per questo motivo: Disneydreaming

No Laca, Daydreaming ti schiatta lo stomaco. Non scherzare. A me prende proprio la pancia e Glass Eyes mi prende il cuore e lo butta nel cesso. True Love Waits mi toglie le gambe. Tinker Tailor la testa. Desert Island, l’anima. AMSP va dritto al corpo per destrutturarlo da capo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours ago, principles said:

No Laca, Daydreaming ti schiatta lo stomaco. Non scherzare. A me prende proprio la pancia e Glass Eyes mi prende il cuore e lo butta nel cesso. True Love Waits mi toglie le gambe. Tinker Tailor la testa. Desert Island, l’anima. AMSP va dritto al corpo per destrutturarlo da capo.

 

Glass eyes è vera. Disneydreaming è un tantino paracula, per me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minutes ago, Lacatus said:

Glass eyes è vera. Disneydreaming è un tantino paracula, per me.

su Daydreaming io non riesco ad essere obiettiva perche' troppo legata a questioni personali. Pero' definirla paracula mi sembra un po' eccessivo. Patinatura e laccatura non sempre sono paraculaggine, lo sono nel caso in cui sono costruite a tavolino solo per ottenere l'effetto ammaliante-cattura applausi e lodi. E non mi sembra il caso di Daydreaming

Twist mi sta in effetti un po' antipatica proprio perche' hanno fatto un pezzo unico di due cose completamente diverse. Che forse era quello che volevano proprio per creare st'effetto distopico filo conduttore dell'album.
Ma non si puo' parlare di Twist considerando solo la seconda parte, che secondo me risulta ancora piu' paracula nella definizione di modified proprio, se non solo, perche' viene dopo la prima

ps: la cosa bella di Twist e' il testo! che sarebbe stato piu' bello con un'altra musica forse 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Twist si mangia disneydreaming e glass eyes (canzone potenzialmente bomba rovinata da produzione laccata e tonalità troooooppo alte del piano...un cazzo di synt ignorante e scarno sarebbe stato molto meglio).

Madonna che top di brano...

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 7/18/2019 at 11:31 AM, echoes said:

Ma manco questa è hollywoodiana, è solo un pezzo smaccatamente "pop" come tanti altri che hanno composto. 

Mh, ma credo quasi nessuna avesse questa ingegnerizzazione sonora cosi patinata e con i suoni cosi lucidi.

Paraculo è da intendersi in senso che twistone ha tutti gli ingredienti canonici del thom solista - ritmica á la afx, falsetto dolce, pianoforte - solo che sono stati ultraprodotti (un po come tutto il disco). Quel pianoforte riverberato all' infinito, le cascate di synth archi molto prominenti - addirittura alla fine invadono completamente lo spazio sonoro - danno l idea di maestosità un po' truccata, una tirata a lucido di vecchi ingredienti. Ma questo vale un po per tutti i suoni di Anima, che è prodotto come nessun disco rh e famiglia uscito prima. È di un suono lucidissimo, diretto, "grosso". Siamo molto distanti dalle classiche brumositá e dai giochi "sento/non sento" dei loro dischi.

Una scelta di base che puoi fare quando fai un disco è vedere se far emergere tutte le frequenze in modo nitido o se nasconderne alcune, levigando i suoni diversamente.

Su Anima Ng e Ty hanno fatto una scelta abbastanza radicale per i loro standard. Si sente tutto in maniera perfetta, bilanciata, potente. Sembra un po un film 3d o una foto molto filtrata. Sono scelte. Che hanno pro e contro. Il pro è di fornire un paesaggio sonoro chiarissimo fino al dettaglio, il contro è che suona tutto un po pompato e forse artificioso- perché ti trovi a tirare su frequenze che dovrebbero stare dietro.

Ovviamente anche l altro metodo, il "faccio sentire ma non tutto" ha pro e contro, ma non sto qui a dilungarmi.

Personalmente trovo che, per il concept sonoro di "ANIMA" la scelta di massimizzare ogni dettaglio sia stata buona, però rimane sempre una sensazione di fintezza sonora. Quando scegli cosi sai che è questo il rovescio della medaglia.

Twist è un esempio sgamabile di questo approccio. 

Che non condanno eh, anzi trovo che ci stia nel concept futuristico pessimista di Anima, solo che ha dei limiti.

 

Senza dire che cosa sia meglio o peggio: riascolta TMB e valuta la differenza totale di approccio sonoro. Ci passa un universo tra tmb, tutto su frequenze scure e tirate indietro - quasi a rasentare il lo fi - e anima.

Ma alla fine si sta parlando anche di due concept sonori completamente diversi - uno, tmb, molto intimista per cui la scelta di certi suoni ha senso; l altro che è futur distopico neogotico per cui i suoni vengono trattati in altro modo.

 

Non so se si è colto qualcosa

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, Wanderer said:

Senza dire che cosa sia meglio o peggio: riascolta TMB e valuta la differenza totale di approccio sonoro. Ci passa un universo tra tmb, tutto su frequenze scure e tirate indietro - quasi a rasentare il lo fi - e anima.

 Ma alla fine si sta parlando anche di due concept sonori completamente diversi - uno, tmb, molto intimista per cui la scelta di certi suoni ha senso; l altro che è futur distopico neogotico per cui i suoni vengono trattati in altro modo.

Non so se si è colto qualcosa

Colgo e quoto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 8/23/2019 at 9:47 AM, Lacatus said:

...e siamo già in due :champagne:

Mi esaltano entrambe. Ma lo stacco fra la prima e la seconda parte mi manda in un'altra dimensione...

Dai tempi di kidA che non godevo così. 

Suspiria chi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, Lacatus said:

La seconda parte è anni '90 a manetta: sembra una roba del primissimo Moby.

e' vero!:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours ago, Lacatus said:

Cosa sono gli  "euclidean rhythms" ?

Pattern ritmici generati matematicamente che vanno parecchio di moda da qualche anno – grazie a strabilianti sequencer euclidei prodotti tra gli altri da Buchla, Mutable Instruments e Ornament & Crime.

I ritmi euclidei sono generati a partire dall'algoritmo di Euclide, utile per trovare il massimo comune divisore tra due numeri interi. Si tratta molto basicamente di distribuire un numero x di battute in modo uniforme su un numero maggiore di impulsi.
Si parte dalle distribuzioni dei poveri (4 casse + 2 clap su 16 impulsi = techno classica), a quelle sudamericane (3 battute contro 8 impulsi generano un tresillo cubano, 5 contro 16 generano la bossa, 7 su 12 una classica ritmica afro), e la cosa diventa interessante quando si moltiplicano le voci per generare poliritmi.

Un buon esempio:
 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×