Jump to content
Lacatus

Twist

Recommended Posts

Linea vocale impossibile. Provate a cantare la strofa col testo davanti. 

@Lacatus per me parla di "rinascita": una specie di contraltare di Dawn Chorus.

 

To you, who brought me back to life
To twisted thorns that grow inside
The shingle washing my old bones
Of woe betides and woe be-gones
With just enough love to go 'round
For you who's turning me back on
Doesn't make it right or wrong
The prisoners of the mind
Of woe be-gones and woe betides
And just enough love to go 'round
And just enough love to go 'round
To you who holds the fireflies
Pulls them out from the inside
A tiny shell left in my hand
Woe betides and woe be-gones
With just enough love to go 'round

Share this post


Link to post
Share on other sites

48 minutes ago, @li said:

Linea vocale impossibile. Provate a cantare la strofa col testo davanti. 

@Lacatus per me parla di "rinascita": una specie di contraltare di Dawn Chorus.

 

To you, who brought me back to life
To twisted thorns that grow inside
The shingle washing my old bones
Of woe betides and woe be-gones
With just enough love to go 'round
For you who's turning me back on
Doesn't make it right or wrong
The prisoners of the mind
Of woe be-gones and woe betides
And just enough love to go 'round
And just enough love to go 'round
To you who holds the fireflies
Pulls them out from the inside
A tiny shell left in my hand
Woe betides and woe be-gones
With just enough love to go 'round

Perfetto, grazie @@li 
Il testo è molto bello, anche se un po' fuori fuoco rispetto al concept distopico.

Anche dal punto di vista lirico: meglio la prima parte della seconda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minutes ago, Lacatus said:


Il testo è molto bello, anche se un po' fuori fuoco rispetto al concept distopico.

 

io piu ascolto e approfondisco i testi e le interviste e piu mi faccio l'idea che la storia del distopico sia piu che altro un'invenzione dei giornalisti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minutes ago, @li said:

io piu ascolto e approfondisco i testi e le interviste e piu mi faccio l'idea che la storia del distopico sia piu che altro un'invenzione dei giornalisti.

Beh ce n'è di bella sostanza distopica, anti-sistema, anti-tecnologica e addirittura luddista nelle varie The Axe, Impossible Knots, Rude Person, Not The News, Runwayaway, Circling The Drain... a parte Twist e Dawn Chorus, che sono due brani più intimi e personali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minutes ago, Lacatus said:

Beh ce n'è di bella sostanza distopica, anti-sistema, anti-tecnologica e addirittura luddista nelle varie The Axe, Impossible Knots, Rude Person, Not The News, Runwayaway, Circling The Drain... a parte Twist e Dawn Chorus, che sono due brani più intimi e personali.

si che c'e' ma io ci sento un fondo di positivita' e di rasssegnata accettazione.

per me hanno ragione quelli di Vice:


https://www.vice.com/en_au/article/qv7a7w/radiohead-thom-yorke-anima-best-solo-album-paul-thomas-anderson?utm_campaign=sharebutton
“The darkness defining Yorke’s muses will always be there, but now at 50, he seems to still be resolute in finding what makes him human, after all.”
 

 

(e "what makes him human" potrebbe essere proprio il tema di Twist :) )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su questo concordo: cioè distopia non significa, che Thom si senta "schiacciato come un insetto" come ai tempi di OK Computer. E' un Thom che quasi deride beffardo la realtà schizzata che lo circonda.

Si ecco. Perfetto.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Lacatus perdono. Scrivo dal telefono e volevo rispondere e invece ho cancellato parte del tuo post! Scusaaaaaa

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, @li said:

@Lacatus perdono. Scrivo dal telefono e volevo rispondere e invece ho cancellato parte del tuo post! Scusaaaaaa

:D 

Vabbe' dicevo semplicemente che Thom più che sentirsi schiacciato dalla realtà circostante, come in passato (mi veniva in mente la metafora "crushed like i bug in the ground" in Let Down), qui mi pare che si prenda quasi beffe di questo mondo "distopico", per cui il piglio è sicuramente più positivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa è l'unica che continua a non convincermi. Non mi piacque anche quando la suonò al Lingotto dove strappò l'applauso più generoso del pubblico del Club to Club. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
56 minutes ago, Lacatus said:

Questa è l'unica che continua a non convincermi. Non mi piacque anche quando la suonò al Lingotto dove strappò l'applauso più generoso del pubblico del Club to Club. 

Il fastidio dell'inizio è direttamente proporzionale all'estasi della fine. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, echoes said:

Il fastidio dell'inizio è direttamente proporzionale all'estasi della fine. 

 

Premetto che a me anche l'inizio piace molto, ma devo anche dire che senza il contrasto con la prima parte la seconda da sola non avrebbe lo stesso effetto. Non credo che "Saturdays" da sola funzionerebbe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma perché questa sarebbe una paraculata e Traffic romeno dance no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io chiedo una spiegazione di perché lo definite una "paraculata"? In che senso?

Io userei un termine tipo ""ingenioso" piuttosto. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 7/17/2019 at 8:35 AM, echoes said:

Ma perché questa sarebbe una paraculata e Traffic romeno dance no?

Traffic non ha neppure la stoffa del pezzo orecchiabile: arrangiamento malandato, accordi bislacchi, accenni di dissonanza e parti vocali fuori luogo, eccedenze da storcere il naso (clap davvero smisurati, tappetoni di bassi al limite del fastidioso, delay insopportabili), finale ridicolo all’apparenza. Quello che a me piace una cifra di Traffic è l’assemblaggio maestoso di cotanta bruttezza. Traffic è un piatto preparato da uno chef stellato a partire da ingredienti di merda: o ne sai assaporare il genio, o lo scambi facilmente per una porcheria. Fai ascoltare Traffic allo scemo del villaggio che è solito ballare la dance da albanesi, e vedrai che non saprà apprezzare manco se messo sotto tortura. E il brano non piace neppure all’ascoltatore medio della fanbase! Dove starebbe il paraculo?

Twist è di un laccato incredibile, di una maestosità, come già dissi, hollywoodiana. È il “Totale” colapesciano, una cosa patinata a dovere per trovare consensi facili. Grossi pad finto-orchestrali contornati di polvere di stelle, accordi classici e di facile comprensione generale, cori celestiali, un refrain vocale dolce e crepuscolare, una ritmica leggera e galoppante, e una morbidezza dell’insieme. Ingredienti classici, facili e seducenti.

Twist è il ricordo del profumo di una donna lasciato sul cuscino. È l’aroma del pane.

Traffic è una gara di rutti tra Pavese e Montale.

(Si parla ovviamente di Twist-seconda metà, che è ciò a cui ci si riferisce parlando di “Twist”, checché se ne dica).

 

 

23 hours ago, Billy Beach said:

Io userei un termine tipo ""ingenioso" piuttosto. 

372783.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minutes ago, modifiedbear said:

È il “Totale” colapesciano

Cazz, ormai è utilizzato come metro per definire le porcherie :bud_ohno: :D 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minutes ago, modifiedbear said:

Traffic non ha neppure la stoffa del pezzo orecchiabile: arrangiamento malandato, accordi bislacchi, accenni di dissonanza e parti vocali fuori luogo, eccedenze da storcere il naso (clap davvero smisurati, tappetoni di bassi al limite del fastidioso, delay insopportabili), finale ridicolo all’apparenza. Quello che a me piace una cifra di Traffic è l’assemblaggio maestoso di cotanta bruttezza. Traffic è un piatto preparato da uno chef stellato a partire da ingredienti di merda: o ne sai assaporare il genio, o lo scambi facilmente per una porcheria. Fai ascoltare Traffic allo scemo del villaggio che è solito ballare la dance da albanesi, e vedrai che non saprà apprezzare manco se messo sotto tortura. E il brano non piace neppure all’ascoltatore medio della fanbase! Dove starebbe il paraculo?

Twist è di un laccato incredibile, di una maestosità, come già dissi, hollywoodiana. È il “Totale” colapesciano, una cosa patinata a dovere per trovare consensi facili. Grossi pad finto-orchestrali contornati di polvere di stelle, accordi classici e di facile comprensione generale, cori celestiali, un refrain vocale dolce e crepuscolare, una ritmica leggera e galoppante, e una morbidezza dell’insieme. Ingredienti classici, facili e seducenti.

Twist è il ricordo del profumo di una donna lasciato sul cuscino. È l’aroma del pane.

Traffic è una gara di rutti tra Pavese e Montale.

(Si parla ovviamente di Twist-seconda metà, che è ciò a cui ci si riferisce parlando di “Twist”, checché se ne dica).

 

 

372783.jpg

Hahahaha muoro. Condivido tutto quello che hai scritto su Traffic (ti ringrazio pure, hai colto in modo davvero puntuale la sua essenza), solo in parte invece il tuo pensiero su Twist, che a me fa sbiellare anche durante la prima parte, con linea vocale da pelle d'oca. Trovo poi meraviglioso il contrasto fra merda e diamante che avvolge il disco, non solo all'interno di singoli brani (vedi Traffic) ma anche come improbabile filo conduttore che lega fra loro chicche melodiche (Dawn Chorus) e assemblaggi di sporcizia (The Axe).

Dal vivo Traffic è pazzesca. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, modifiedbear said:

Traffic non ha neppure la stoffa del pezzo orecchiabile: arrangiamento malandato, accordi bislacchi, accenni di dissonanza e parti vocali fuori luogo, eccedenze da storcere il naso (clap davvero smisurati, tappetoni di bassi al limite del fastidioso, delay insopportabili), finale ridicolo all’apparenza. Quello che a me piace una cifra di Traffic è l’assemblaggio maestoso di cotanta bruttezza. Traffic è un piatto preparato da uno chef stellato a partire da ingredienti di merda: o ne sai assaporare il genio, o lo scambi facilmente per una porcheria. Fai ascoltare Traffic allo scemo del villaggio che è solito ballare la dance da albanesi, e vedrai che non saprà apprezzare manco se messo sotto tortura. E il brano non piace neppure all’ascoltatore medio della fanbase! Dove starebbe il paraculo?

Twist è di un laccato incredibile, di una maestosità, come già dissi, hollywoodiana. È il “Totale” colapesciano, una cosa patinata a dovere per trovare consensi facili. Grossi pad finto-orchestrali contornati di polvere di stelle, accordi classici e di facile comprensione generale, cori celestiali, un refrain vocale dolce e crepuscolare, una ritmica leggera e galoppante, e una morbidezza dell’insieme. Ingredienti classici, facili e seducenti.

Twist è il ricordo del profumo di una donna lasciato sul cuscino. È l’aroma del pane.

Traffic è una gara di rutti tra Pavese e Montale.

(Si parla ovviamente di Twist-seconda metà, che è ciò a cui ci si riferisce parlando di “Twist”, checché se ne dica).

 

 

372783.jpg

Ti do una notizia: secondo questo criterio buona parte dei pezzi migliori dei Radiohead sono paraculate laccate e patinate.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
24 minutes ago, echoes said:

Ti do una notizia: secondo questo criterio buona parte dei pezzi migliori dei Radiohead sono paraculate laccate e patinate.

Poca roba dei rh potrebbe definirsi hollywoodiana

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×