Jump to content
Sign in to follow this  
Lacatus

Coronavirus Wuhan

Recommended Posts

Ho finalmente trovato i primi dati sui kit anti-corpi, che a quel che ho capito sono gia in vendita da qualche parte negli Stati Uniti. Ho capito il perche` si sia molto scettici sul punto al momento.

Sensitivita`= probabilita` che se ho avuto il virus mi trova gli anticorpi=93.8%

Specificita`= probabilita` che se NON ho avuto il virus non mi dice che l'ho avuto per sbaglio = 95.6%.

Di primo acchito questo puo` sembrare un buon risultato, ma attenzione, se lo si vuole usare per far tornare la popolazione in giro non e` assolutamente soddisfacente, a meno che la proporzioen di popolazione infetta non sia molto alta. Cerco di spiegarlo con semplice esempio:

Usiamo una stima conservativa della proporzione di popolazione italiana infettata: diciamo 1%?

Bene, nel caso estremo in cui testiamo 60 milioni di italiani, abbiamo che dell'1% di infetti, il 93.8% lo scopriranno col test. Sono 562800 persone.

Allo stesso tempo, dei 59 milioni e fischia di italiani NON infetti, il 4.4% (1-95.6%) riceveranno invece un test positivo "per errore". Sono 2 613 600...

Quindi, delle circa 3 milioni di persone che andrebbero in giro convinte di essere immuni, l'80% NON lo sarebbe... Un bel papocchio.

Un test con queste caratteristiche inizia a funzionare solo quando la proporzione di popolazione contagiata e` molto piu` alta. Tipo sul 10% ancora circa una persona su 3 positiva non avrebbe davvero avuto il virus. Col 30%, 1 su 10. Quindi ha senso solo in regioni dove ci si aspetta che una grande proporzione della popolazione sia stata contagiata, se no il rischio e` solo quello di creare un casino pazzesco.

In teoria, una soluzione sarebbe di fare due volte il test. Se questo da falso positivo in modo scorrelato, la probabilita` di avere due falsi positivi di fila scende a 0.2%, e solo una persona su 5 sarebbe falso positivo anche nello scenario dell'1% di infezione. Pero` questo solo se i falsi positivi sono scorrelati, se invece per esempio il problema e` che prendono fischi per fiaschi (un infezione da coronavirus da raffreddore scambiata per covid per esempio) allora potrebbero anche ritornare lo stesso falso positivo piu` volte.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io no credo sinceramente che proposte come quelle in discussione all'Eurogruppo si possano veramente risolvere in pochi incontri. Un mese di incontri mi sembra normale, per una decisione che rischia di uccidere L'ue. capisco l'emergenza, ma lo sapranno anche loro che devono correre, non credo facciano necessariamente apposta. Poi che a muovere le proposte siano gli interessi degli stati, beh...it's eurogruppo, baby. 

 

Quanto al tizio che si è dimesso, ho letto notizie un po' diverse dalla vulgata che sta circolando. 

 

Poi no so, sicuramente io sono troppo tenero con l'ue, ma è che proprio non mi piace come la si usa comunicativamente negli stati membri,

 

ps. Io ad un referendum sull'ue voto si e ancor più convintamente, visto che, dati alla mano, i problemi sono gli stati membri e le loro autonomie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, Wanderer said:

Io no credo sinceramente che proposte come quelle in discussione all'Eurogruppo si possano veramente risolvere in pochi incontri. Un mese di incontri mi sembra normale, per una decisione che rischia di uccidere L'ue. capisco l'emergenza, ma lo sapranno anche loro che devono correre, non credo facciano necessariamente apposta. Poi che a muovere le proposte siano gli interessi degli stati, beh...it's eurogruppo, baby. 

 

Quanto al tizio che si è dimesso, ho letto notizie un po' diverse dalla vulgata che sta circolando. 

 

Poi no so, sicuramente io sono troppo tenero con l'ue, ma è che proprio non mi piace come la si usa comunicativamente negli stati membri,

 

ps. Io ad un referendum sull'ue voto si e ancor più convintamente, visto che, dati alla mano, i problemi sono gli stati membri e le loro autonomie.

Il problema è che c'è ancora troppo sovranità degli Stati membri infatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, echoes said:

Il problema è che c'è ancora troppo sovranità degli Stati membri infatti.

Ci vorrebbe il maresciallo Tito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so voi, ma io ho più paura della "fase 2" che dell'attuale quarantena: almeno adesso la situazione è ordinata e siamo sicuri che seguendo le direttive non rischiamo né di ammalarci, nè di diffondere il virus da asintomatici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dobbiamo accettare la situazione

fino a quando non ci sarà il vaccino saremo costretti a conviverci, tutti a lavoro, chi si ammala si ammala, selezione naturale e via!

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minutes ago, Lacatus said:

Non so voi, ma io ho più paura della "fase 2" che dell'attuale quarantena: almeno adesso la situazione è ordinata e siamo sicuri che seguendo le direttive non rischiamo né di ammalarci, nè di diffondere il virus da asintomatici.

Idem.

La parte davvero critica arriva alla riapertura e, secondo me, vivremo momenti molto peggiori degli attuali.

È quando torneremo in giro che vivremo lo stress traumatico, in pantofole si sta decisamente bene e più o meno al sicuro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minutes ago, myxo said:

dobbiamo accettare la situazione

fino a quando non ci sarà il vaccino saremo costretti a conviverci, tutti a lavoro, chi si ammala si ammala, selezione naturale e via!

Insomma dal "lavorare per vivere" al "lavorare per schiattare".

Top.

Share this post


Link to post
Share on other sites
56 minutes ago, echoes said:

Idem.

La parte davvero critica arriva alla riapertura e, secondo me, vivremo momenti molto peggiori degli attuali.

È quando torneremo in giro che vivremo lo stress traumatico, in pantofole si sta decisamente bene e più o meno al sicuro.

In quanti l'avranno capito, secondo te?

Qui le mascherine sono introvabili, tra l'altro, e i carabinieri fermano le automobili, ma non i vecchietti che vanno a zonzo a piedi senza mascherina: mi chiedo come si potrà gestire la "fase 2" se già non si riesce a far rispettare le poche, semplici regole della "fase 1".
Se veramente riapriranno lunedì 4 maggio, prevedo entro giugno un'impennata dei casi con focolai tipo Bergamo anche al centro/sud/isole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minutes ago, Lacatus said:

In quanti l'avranno capito, secondo te?

Qui le mascherine sono introvabili, tra l'altro, e i carabinieri fermano le automobili, ma non i vecchietti che vanno a zonzo a piedi senza mascherina: mi chiedo come si potrà gestire la "fase 2" se già non si riesce a far rispettare le poche, semplici regole della "fase 1".
Se veramente riapriranno lunedì 4 maggio, prevedo entro giugno un'impennata dei casi con focolai tipo Bergamo anche al centro/sud/isole.

L'hanno capito in pochi, sarà il delirio.

Mancano i DPI e, come sempre in Italia, mancheranno i controlli (oggettivamente impossibili da fare). Pronostico disastri inenarrabili se il Governo non agirà con il massimo della cautela e della rigidità.

Io credo che una seconda ondata sia scontata e che sarà peggio della prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, echoes said:

Insomma dal "lavorare per vivere" al "lavorare per schiattare".

Top.

lo so ma che facciamo?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minutes ago, echoes said:

L'hanno capito in pochi, sarà il delirio.

Mancano i DPI e, come sempre in Italia, mancheranno i controlli (oggettivamente impossibili da fare). Pronostico disastri inenarrabili se il Governo non agirà con il massimo della cautela e della rigidità.

Io credo che una seconda ondata sia scontata e che sarà peggio della prima.

Concordo. Ti dico la mia: secondo me questa volta si renderà necessario l'intervento dell'esercito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
54 minutes ago, echoes said:

Io credo che una seconda ondata sia scontata e che sarà peggio della prima.

Una seconda ondata ci sarà di certo, ma peggiore della prima spererei di no, altrimenti vuol dire che ci meritiamo davvero l'estinzione. Già continuo a non capire come abbiano fatto tutti i paesi occidentali, nessuno escluso, a sottovalutare così clamorosamente il problema fino a quando non se lo sono ritrovati dentro casa propria, mostrando un'assenza totale di competenze tecniche e di una visione di lungo periodo, se ripetessero di nuovo gli stessi errori sarebbero veramente da mettere al muro.

Comunque nel piccolo della mia realtà mi sembra che qualcosa si stia iniziando a muovere, la Toscana ha intrapreso alcune iniziative che mi sembrano positive. Innanzitutto sta distribuendo gratuitamente a tutti le mascherine e dalla prossima settimana, quando la distribuzione sarà terminata, diventerà obbligatorio indossarle in tutti i luoghi pubblici o aperti al pubblico . Sono mascherine chirurgiche semplici, non offrono protezione totale ma se tutti le indossano sicuramente diventa un po' più difficile per il virus circolare. Poi hanno iniziato a fare test sierologici alle categorie più a rischio, così da individuare anche gli asintomatici e metterli in isolamento (dopo conferma con il tampone). Per ora li stanno facendo ai medici e al personale ospedaliero (dalle prime statistiche pubblicate c'è circa il 4% di positivi) e a ospiti e operatori delle case di riposo (qui c'è circa il 13% di positivi). E ultima cosa la Regione ha preso accordi con varie strutture ricettive per trasformarle temporaneamente in centri per i pazienti positivi  asintomatici o con sintomi leggeri, in modo che anche questi siano sotto controllo medico ed evitino di restare a casa rischiando di contagiare altre persone con cui entrano in contatto

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minutes ago, Beat said:

Una seconda ondata ci sarà di certo, ma peggiore della prima spererei di no, altrimenti vuol dire che ci meritiamo davvero l'estinzione. Già continuo a non capire come abbiano fatto tutti i paesi occidentali, nessuno escluso, a sottovalutare così clamorosamente il problema fino a quando non se lo sono ritrovati dentro casa propria, mostrando un'assenza totale di competenze tecniche e di una visione di lungo periodo, se ripetessero di nuovo gli stessi errori sarebbero veramente da mettere al muro.

Comunque nel piccolo della mia realtà mi sembra che qualcosa si stia iniziando a muovere, la Toscana ha intrapreso alcune iniziative che mi sembrano positive. Innanzitutto sta distribuendo gratuitamente a tutti le mascherine e dalla prossima settimana, quando la distribuzione sarà terminata, diventerà obbligatorio indossarle in tutti i luoghi pubblici o aperti al pubblico . Sono mascherine chirurgiche semplici, non offrono protezione totale ma se tutti le indossano sicuramente diventa un po' più difficile per il virus circolare. Poi hanno iniziato a fare test sierologici alle categorie più a rischio, così da individuare anche gli asintomatici e metterli in isolamento (dopo conferma con il tampone). Per ora li stanno facendo ai medici e al personale ospedaliero (dalle prime statistiche pubblicate c'è circa il 4% di positivi) e a ospiti e operatori delle case di riposo (qui c'è circa il 13% di positivi). E ultima cosa la Regione ha preso accordi con varie strutture ricettive per trasformarle temporaneamente in centri per i pazienti positivi  asintomatici o con sintomi leggeri, in modo che anche questi siano sotto controllo medico ed evitino di restare a casa rischiando di contagiare altre persone con cui entrano in contatto

Se è così, mi pare che la Toscana si stia comportando seriamente e speriamo sia un modello per le altre regioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 4/8/2020 at 12:46 PM, Wanderer said:

Io no credo sinceramente che proposte come quelle in discussione all'Eurogruppo si possano veramente risolvere in pochi incontri. Un mese di incontri mi sembra normale, per una decisione che rischia di uccidere L'ue. capisco l'emergenza, ma lo sapranno anche loro che devono correre, non credo facciano necessariamente apposta. Poi che a muovere le proposte siano gli interessi degli stati, beh...it's eurogruppo, baby. 

 

Quanto al tizio che si è dimesso, ho letto notizie un po' diverse dalla vulgata che sta circolando. 

 

Poi no so, sicuramente io sono troppo tenero con l'ue, ma è che proprio non mi piace come la si usa comunicativamente negli stati membri,

 

ps. Io ad un referendum sull'ue voto si e ancor più convintamente, visto che, dati alla mano, i problemi sono gli stati membri e le loro autonomie.

Ma oramai siamo al delirio collettivo. 

Leggevo stamattina un post di quell'imbecille di Scanzi che in sostanza dice "o eurobond o usciamo e stampiamo sotto l'ombrello della Cina". Per la serie: andiamo a passi spediti verso il fallimento e la deriva illiberale e crediamoci pure furbi. Vi è ormai una vulgata trasversale sull'"Europa cattiva che non ci viene incontro sull'emergenza" che è assolutamente delirante, ed è pure fomentata dall'ambiguità dei politici che termono di perdere consensi (poi vabbè ci sono quelli che la fomentano apertamente).

Fatta la premessa che i nordici avrebbero a parer mio tutte le giustificazioni a mostrare riserve a voler condividere del debito con un Paese conclamatamente inaffidabile, gli eurobond non sono gratis, sono comunque debito che andrebbe a pesare pro quota in ragione delle garanzie prestate da ciascun Paese, implicano un notevole incremento del bilancio comunitario e un'architettura istituzionale necessaria per la direzione delle politiche fiscali comuni che non metti in piedi in 5 giorni. 

La verità è che gli italiani pensano nella loro testa di aver diritto ad una sorta di finanziamento a fondo perduto: Follia. 

L'ipotesi meno gravosa sarebbe un MES a bassa condizionalità, ma c'è un veto pregiudiziale perché nella testa della maggioranza degli italiani ormai il MES è il manganello con cui gli Stati forti assoggettano i deboli per comprarsi le rimanenze a prezzo di saldo. Quando in realtà è uno strumento di composizione delle crisi che non ha un analogo neppure in USA, che sono uno Stato federale. 

Ovviamente nessuno evidenzia i seguenti punti:

- quando la Germania e altri Stati trattenevano le mascherine destinate al mercato italiano, chi ha sbloccato la situazione? l'UE

- abbiamo ancora accesso al mercato solo perché la BCE della perfida Lagarde sta deliberando acquisti straordinari;

- l'Ue ha sospeso il Patto di Stabilità. 

Non parliamo di robetta. Tuttavia, l'atteggiamento che oramai vedo esternato ovunque, a tutte le latitudini politiche è quello della ricerca dello scontro con l'Europa disumana che non vuole aiutarci.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, kid a said:

Ma oramai siamo al delirio collettivo. 

Leggevo stamattina un post di quell'imbecille di Scanzi che in sostanza dice "o eurobond o usciamo e stampiamo sotto l'ombrello della Cina". Per la serie: andiamo a passi spediti verso il fallimento e la deriva illiberale e crediamoci pure furbi. Vi è ormai una vulgata trasversale sull'"Europa cattiva che non ci viene incontro sull'emergenza" che è assolutamente delirante, ed è pure fomentata dall'ambiguità dei politici che termono di perdere consensi (poi vabbè ci sono quelli che la fomentano apertamente).

Fatta la premessa che i nordici avrebbero a parer mio tutte le giustificazioni a mostrare riserve a voler condividere del debito con un Paese conclamatamente inaffidabile, gli eurobond non sono gratis, sono comunque debito che andrebbe a pesare pro quota in ragione delle garanzie prestate da ciascun Paese, implicano un notevole incremento del bilancio comunitario e un'architettura istituzionale necessaria per la direzione delle politiche fiscali comuni che non metti in piedi in 5 giorni. 

La verità è che gli italiani pensano nella loro testa di aver diritto ad una sorta di finanziamento a fondo perduto: Follia. 

L'ipotesi meno gravosa sarebbe un MES a bassa condizionalità, ma c'è un veto pregiudiziale perché nella testa della maggioranza degli italiani ormai il MES è il manganello con cui gli Stati forti assoggettano i deboli per comprarsi le rimanenze a prezzo di saldo. Quando in realtà è uno strumento di composizione delle crisi che non ha un analogo neppure in USA, che sono uno Stato federale. 

Ovviamente nessuno evidenzia i seguenti punti:

- quando la Germania e altri Stati trattenevano le mascherine destinate al mercato italiano, chi ha sbloccato la situazione? l'UE

- abbiamo ancora accesso al mercato solo perché la BCE della perfida Lagarde sta deliberando acquisti straordinari;

- l'Ue ha sospeso il Patto di Stabilità. 

Non parliamo di robetta. Tuttavia, l'atteggiamento che oramai vedo esternato ovunque, a tutte le latitudini politiche è quello della ricerca dello scontro con l'Europa disumana che non vuole aiutarci.

Quello che scrivi è decisamente sensato ma con i sovranisti in pressione come la cacca nel sedere, l'assenza di una visione comune e decisa porterà l'UE alla disgregazione.

Insomma se non si vuole distruggere totalmente l'Europa a 'sto giro i paesi del Nord devono dimostrarsi solidali (e avrebbero molte ragioni per essere restii). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minutes ago, echoes said:

Quello che scrivi è decisamente sensato ma con i sovranisti in pressione come la cacca nel sedere, l'assenza di una visione comune e decisa porterà l'UE alla disgregazione.

Insomma se non si vuole distruggere totalmente l'Europa a 'sto giro i paesi del Nord devono dimostrarsi solidali (e avrebbero molte ragioni per essere restii). 

ok, ma più che dare disponibilità ad un MES leggero non vedo cosa potrebbero fare

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, kid a said:

ok, ma più che dare disponibilità ad un MES leggero non vedo cosa potrebbero fare

Se non ho capito male Italia e Francia chiedono i Coronabond, cioè di dividere il debito generato con l'emergenza a livello comunitario.

Sottolineo il "se non ho capito male" perché onestamente non mi sono informato molto a 'sto giro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minutes ago, echoes said:

Se non ho capito male Italia e Francia chiedono i Coronabond, cioè di dividere il debito generato con l'emergenza a livello comunitario.

Sottolineo il "se non ho capito male" perché onestamente non mi sono informato molto a 'sto giro.

Neesuno Stato al mondo emette debito "in proprio", per poi giralro alle sue Regioni o Stati federati che dir si voglia, senza disporre nemmeno in parte della titolarità delle relative risorse fiscali e della facoltà di indirizzo della politica economica generale

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minutes ago, kid a said:

Neesuno Stato al mondo emette debito "in proprio", per poi giralro alle sue Regioni o Stati federati che dir si voglia, senza disporre nemmeno in parte della titolarità delle relative risorse fiscali e della facoltà di indirizzo della politica economica generale

Quindi è una proposta totalmente irricevibile? Perché a mio parere siamo a un punto di rottura a livello politico in Eurozona.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, echoes said:

Quindi è una proposta totalmente irricevibile? Perché a mio parere siamo a un punto di rottura a livello politico in Eurozona.

 

è un qualcosa che non sta nei trattati e di difficile attuazione, anche pratica. Presuppone strumenti ed istituzioni comuni che allo stato non esistono. A meno che italiani e francesi non pretendano che ciò avvenga in assenza di contropartite fiscali e direzione comune della politica fiscale, il che sarebbe sostanzialmente un regalo da parte dei Paesi del Nord e pertanto un'ipotesi a mio parere favolistica. Tutto questo quando già esiste uno strumento come il MES. A meno che non si inventino uno strano ibrido, mi sembra molto molto difficile.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, kid a said:

è un qualcosa che non sta nei trattati e di difficile attuazione, anche pratica. Presuppone strumenti ed istituzioni comuni che allo stato non esistono. A meno che italiani e francesi non pretendano che ciò avvenga in assenza di contropartite fiscali e direzione comune della politica fiscale, il che sarebbe sostanzialmente un regalo da parte dei Paesi del Nord e pertanto un'ipotesi a mio parere favolistica. Tutto questo quando già esiste uno strumento come il MES. A meno che non si inventino uno strano ibrido, mi sembra molto molto difficile.  

Il MES ormai è strumentalizzato a livelli ingnobili dalla politica di mezza Europa. I sovranisti faranno un boom elettorale senza precedenti.

Meloni e Salvini hanno già iniziato a blaterare e il popolino gli andrà dietro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×