Jump to content

principles

Members
  • Content count

    11,378
  • Joined

  • Last visited

About principles

  • Rank
    Endless Autumn
  • Birthday 03/16/1988

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Napoli

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.principles.bandcamp.com
  • Instagram
    0

Recent Profile Visitors

13,588 profile views
  1. principles

    2020 . "La caduta degli dèi?"

    Nuovi ascolti di questo 2020 orribile anche musicalmente parlando: Flaming Lips, American Head Parzialmente bocciato. Album stucchevole e senz’anima. L’ultimo bellissimo album degno di nota è The Terror. Da allora, il vuoto cosmico. Sono ritornati al pop di Soft Bulletin ma senza avere quella spinta e quella creatività. Doves, The universal want Probabilmente per me album dell’anno. Grande ritorno. Una band che si mangia a colazione diecimila next big thing degli anni 00. Mai banali, sempre coerenti. Un album pieno di cose belle, stile inconfondibile, impossibile paragonarli a qualcuno o qualcosa. Detto con le pinze: è come vorrei suonassero gli Oasis se non si fossero mai sciolti e come potevano evolvere i Coldplay se non fossero diventati il festival del tamarro o del banale e infine poi la smetto, degli Elbow meno pomposi. una produzione ricercata e mai vecchia. Un album da sentire in cuffia per coglierne le sfumature. Ogni ascolto una sorpresa! poi oh vi deve piacere comunque un po’ il rock di matrice brit.
  2. principles

    Let Down

    2’30” è lì che ogni volta mi viene la pelle d’oca e mi sale un senso di vuoto assurdo. Come un vento freddo.
  3. principles

    Papa Francesco

  4. principles

    2020 . "La caduta degli dèi?"

    Ho ascoltato qualcosa e non mi dispiace affatto, l’accento inglese marcatissimo. Qualcosa mi sa degli Horrors di Primary Colours e qualcosa di un gruppo Irlandese degli anni 90, Whipping Boy
  5. principles

    Iosonouncane

    E invece a me piace proprio questa coerenza artistica che ha! Certo muoio dalla volta di ascoltarlo, ma allo stesso tempo sono affascinato da questo suo mantenere il punto!
  6. principles

    LP10

    NOOOOOOO IL SOFTUERDIGIONNI NOOOOOOOOO
  7. principles

    2772 ab Urbe condita

    Come ho capito entrambi hanno lavorato con Andrea Suriani che gli ha curato mix e mastering. La cosa bella è che mi ricordano i Baustelle togliendo tutto quello che NON mi piace dei Baustelle e che non me li fa ascoltare appieno. Il titolo è figo, Levi Straussiano! Mi ricorda tutti gli esami di Antropologia
  8. principles

    2772 ab Urbe condita

    Da avere ( col cacchio che me lo scarico in streaming. Voglio l'album fisico! ) Un compromesso tra i Baustelle, Colombre e l'indie italiano degli ultimi 3 anni.
  9. principles

    2020 . "La caduta degli dèi?"

    I Khruangbin sono tutto quello di cui il mio cervello ha bisogno non tanto dopo la quarantena, ma dopo gli effetti della quarantena. Album stellare e bellissimo. Estivo ma non asfissiante, pieno di groove ma non tamarro. Va dritto in cima nel nulla cosmico uscito negli ultimi 6 mesi.
  10. principles

    Lift

    Le cose dei Radiohead che non capirò mai Energica, figlia di quell'epoca. L'anello di congiunzione tra The Bends e Ok Computer.
  11. principles

    Funk, Soul, Dance

    Praticamente sono i Tame Impala se Kevin Parker avesse avuto un minimo di intelligenza musicale Belli fluidi e pieni di luce, mai pieni pieni. Ma è proprio quella mancanza di pienezza a renderli misteriosoficamente efficaci. E la bassista è una gran fregna.
  12. principles

    2772 ab Urbe condita

    Ooook grazie Laca
  13. principles

    2772 ab Urbe condita

    Appello a Laca o ad altri, non è che mi mandereste un piemmino con Tristi Tropici se ce l'avete?
  14. principles

    Climbing up the Walls

    Sugli #archidigionni a parte il solito Pendercki, mi ha ricordato molto questa, ma forse solo perché avevo appena finito di ascoltarla: Comunque le manipolazioni alla radio sono una roba stratosferica! Climbing è un pezzo, tra i pochi di ok computer, penso anche più della bistrattata Electioneering, che riesco ad ascoltare solo in alcuni momenti, penso sia uno dei pezzi più densi dei Radiohead, nella discografia dei Radiohead un momento così denso e disperato lo trovo solo nell'outro di There There, non so spiegare cos'è, è un inquietudine che sento spesso dentro, come scappare senza via d'uscita, completamente al buio. Pensandoci pure forse nel finale di Bodysnatchers c'è questa cosa che dico io.
  15. principles

    2020 . "La caduta degli dèi?"

    Anche io
×