Jump to content
Sign in to follow this  
TomThom

E lo chiamate ancora "ciclismo"?

Recommended Posts

" ROMA, 2 ottobre 2008 - Mano pesante per Riccardo Riccò. Il Tribunale nazionale antidoping ha squalificato il corridore modenese per due anni, fino a tutto luglio 2010.

La Procura antidoping del Coni aveva deferito Riccò con richiesta di squalifica di venti mesi, dopo che lo scalatore emiliano era stato trovato positivo all'Epo di ultima generazione (Cera) al Tour de France 2008, in occasione dei controlli antidoping dell'8 e 13 luglio. Era stata richiesta una squalifica ridotta per effetto dell'attenuante concessa, cioè la confessione.

Riccò era stato trovato positivo alla Cera (Continuous Erythropietin Receptor Activator), l'Epo di terza generazione, nell'ultimo Tour de France, dove aveva vinto due tappe di montagna. Licenziato dalla Saunier Duval (assieme a Leonardo Piepoli), costretto al fermo in Francia ed escluso dalla formazione azzurra per i Giochi di Pechino 2008, il corridore emiliano, subito sospeso dal Tna, si è assunto le proprie responsabilità nell'audizione alla Procura antidopong del Coni dello scorso 30 luglio, sperando così in una riduzione di pena che in effetti non è stata concessa dal Tribunale. "

Come son contento...Avrà tutto il tempo per tatuarsi una testa di minchia da qualche parte oltre ai folletti, e di decidere con tutta calma con quale altro colore ossigenarsi i capelli...Buone vacanze, baro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

" ROMA, 2 ottobre 2008 - Mano pesante per Riccardo Riccò. Il Tribunale nazionale antidoping ha squalificato il corridore modenese per due anni, fino a tutto luglio 2010.

La Procura antidoping del Coni aveva deferito Riccò con richiesta di squalifica di venti mesi, dopo che lo scalatore emiliano era stato trovato positivo all'Epo di ultima generazione (Cera) al Tour de France 2008, in occasione dei controlli antidoping dell'8 e 13 luglio. Era stata richiesta una squalifica ridotta per effetto dell'attenuante concessa, cioè la confessione.

Riccò era stato trovato positivo alla Cera (Continuous Erythropietin Receptor Activator), l'Epo di terza generazione, nell'ultimo Tour de France, dove aveva vinto due tappe di montagna. Licenziato dalla Saunier Duval (assieme a Leonardo Piepoli), costretto al fermo in Francia ed escluso dalla formazione azzurra per i Giochi di Pechino 2008, il corridore emiliano, subito sospeso dal Tna, si è assunto le proprie responsabilità nell'audizione alla Procura antidopong del Coni dello scorso 30 luglio, sperando così in una riduzione di pena che in effetti non è stata concessa dal Tribunale. "

Come son contento...Avrà tutto il tempo per tatuarsi una testa di minchia da qualche parte oltre ai folletti, e di decidere con tutta calma con quale altro colore ossigenarsi i capelli...Buone vacanze, baro.

Micidiale, un fan di Pantani sta parlando esattamente come chi lo ha portato alla depressione. :o

Share this post


Link to post
Share on other sites
" ROMA, 2 ottobre 2008 - Mano pesante per Riccardo Riccò. Il Tribunale nazionale antidoping ha squalificato il corridore modenese per due anni, fino a tutto luglio 2010.

La Procura antidoping del Coni aveva deferito Riccò con richiesta di squalifica di venti mesi, dopo che lo scalatore emiliano era stato trovato positivo all'Epo di ultima generazione (Cera) al Tour de France 2008, in occasione dei controlli antidoping dell'8 e 13 luglio. Era stata richiesta una squalifica ridotta per effetto dell'attenuante concessa, cioè la confessione.

Riccò era stato trovato positivo alla Cera (Continuous Erythropietin Receptor Activator), l'Epo di terza generazione, nell'ultimo Tour de France, dove aveva vinto due tappe di montagna. Licenziato dalla Saunier Duval (assieme a Leonardo Piepoli), costretto al fermo in Francia ed escluso dalla formazione azzurra per i Giochi di Pechino 2008, il corridore emiliano, subito sospeso dal Tna, si è assunto le proprie responsabilità nell'audizione alla Procura antidopong del Coni dello scorso 30 luglio, sperando così in una riduzione di pena che in effetti non è stata concessa dal Tribunale. "

Come son contento...Avrà tutto il tempo per tatuarsi una testa di minchia da qualche parte oltre ai folletti, e di decidere con tutta calma con quale altro colore ossigenarsi i capelli...Buone vacanze, baro.

Micidiale, un fan di Pantani sta parlando esattamente come chi lo ha portato alla depressione. :o

So che ami Riccò, ma non ti nascondo come sto tizio mi facesse schifo a pelle ben prima che venisse fuori il casino.

Il Panta lascialo perdere, altra categoria, epo o non epo... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
" ROMA, 2 ottobre 2008 - Mano pesante per Riccardo Riccò. Il Tribunale nazionale antidoping ha squalificato il corridore modenese per due anni, fino a tutto luglio 2010.

La Procura antidoping del Coni aveva deferito Riccò con richiesta di squalifica di venti mesi, dopo che lo scalatore emiliano era stato trovato positivo all'Epo di ultima generazione (Cera) al Tour de France 2008, in occasione dei controlli antidoping dell'8 e 13 luglio. Era stata richiesta una squalifica ridotta per effetto dell'attenuante concessa, cioè la confessione.

Riccò era stato trovato positivo alla Cera (Continuous Erythropietin Receptor Activator), l'Epo di terza generazione, nell'ultimo Tour de France, dove aveva vinto due tappe di montagna. Licenziato dalla Saunier Duval (assieme a Leonardo Piepoli), costretto al fermo in Francia ed escluso dalla formazione azzurra per i Giochi di Pechino 2008, il corridore emiliano, subito sospeso dal Tna, si è assunto le proprie responsabilità nell'audizione alla Procura antidopong del Coni dello scorso 30 luglio, sperando così in una riduzione di pena che in effetti non è stata concessa dal Tribunale. "

Come son contento...Avrà tutto il tempo per tatuarsi una testa di minchia da qualche parte oltre ai folletti, e di decidere con tutta calma con quale altro colore ossigenarsi i capelli...Buone vacanze, baro.

Micidiale, un fan di Pantani sta parlando esattamente come chi lo ha portato alla depressione. :o

So che ami Riccò, ma non ti nascondo come sto tizio mi facesse schifo a pelle ben prima che venisse fuori il casino.

Il Panta lascialo perdere, altra categoria, epo o non epo... ;)

No un attimo, Riccò si e l'idea platonica del Milan no?

Micidiale anche questo. :o

Dai dai, a tutti si da una seconda possibilità.

Potrebbe tornare anche molto più maturo di prima. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Contador

che , se non erro , s'era ritirato a due giri dalla fine , e dire che doveva essere l'uomo di punta della Spagna .

Beh, Giro (vinto), Vuelta (stravinta), Olimpiade (quarto alla cronometro), ci credo che dopo un pò spompi :ok:

quoto.

Contador è (già) un grandissimo di questo sport.

a 26 anni si è già portato a casa tutte e tre le grandi corse a tappe, quinto di sempre, accanto ai signori Anquetil, Gimondi, Merckx e Hinault. e scusate del poco.

Lo ripeto , Contador ha vinto il giro solo per culo

Share this post


Link to post
Share on other sites

se penso che Bettini aveva lasciato la Quickstep perché avevano assunto quel cocainomane di Schumacher e probabilmente questo ha convinto Paolino a ritirarsi dall'attività agonistica... :angry:

Eh beh , già c'era Tom Boonen in quella squadra di cocainomane

Share this post


Link to post
Share on other sites

se penso che Bettini aveva lasciato la Quickstep perché avevano assunto quel cocainomane di Schumacher e probabilmente questo ha convinto Paolino a ritirarsi dall'attività agonistica... :angry:

Eh beh , già c'era Tom Boonen in quella squadra di cocainomane

si vede che la squadra belga si vuole dare al ciclismo su.. pista...

:cess:

Share this post


Link to post
Share on other sites

se penso che Bettini aveva lasciato la Quickstep perché avevano assunto quel cocainomane di Schumacher e probabilmente questo ha convinto Paolino a ritirarsi dall'attività agonistica... :angry:

Eh beh , già c'era Tom Boonen in quella squadra di cocainomane

si vede che la squadra belga si vuole dare al ciclismo su.. pista...

:cess:

e per strisce :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Colpo degli organizzatori del Giro: ci sarà pure Armstrong...

Perchè dobbiamo far diventare pure il Giro un puttanaio? Non bastava la frociata de France?

Se al tipo brucia il culo per come ne parlano che vada a sfogarsi da un altra parte, dai suoi amichetti francesi. <_<

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque penso che potrei veramente dirli senza fare analisi i ciclisti dopati.

E' logico che se un corridore a 37 anni va più forte che a 30 ha preso qualcosa, e vale per lui come per Piepoli. Così come era logico che un Riccò che aveva preparato la stagione sul Giro non potesse dare un minuto in salita a tutti al Tour. O un Koll che diventa un ciclista a quasi 30 anni. O Sella che di colpo si spara 3 tappe al giro da fenomeno.

Io continuerò a tifare per i Bruseghin che quando gli altri scattano prendono un minuto in un kilometro e poi vengon su del loro passo, per i Cunego che vincono un Giro a vent'anni solo perchè le tappe cruciali eran lunghe la metà del solito e poi falliscono quasi tutti gli eventi importanti semplicemente perchè non ce la fanno. Poi magari un giorno beccheranno anche loro e mi metterò il cuore in pace, però a me sembra piuttosto chiaro chi bara e chi no, quindi avanti coi test mirati, come nel caso-Carrozzieri nel calcio.

L'unica cosa che mi stupisce in Rebellin è che è uno dei pochi dopati ad essere specialista delle gare da un giorno. In genere la CERA come l'EPO aiuta soprattutto nelle Grandi Corse a Tappe, per le corse da un giorno il vantaggio acquisito è molto molto minore. L'idiozia di chi fa ricorso a certi mezzucci è invece sempre la stessa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' logico che se un corridore a 37 anni va più forte che a 30 ha preso qualcosa

su questo non sono d'accordo.

il ciclismo è uno sport di fatica, dove l'esperienza conta moltissimo e, specialmente nelle gare di un giorno, l'età "avanzata" non conta (anzi, spesso e volentieri è anche un vantaggio).

oltretutto Rebellin è sempre stato forte, quindi non stupisce il fatto che a 37 anni sia ancora in gamba.

ora aspettiamo le controanalisi e vediamo se confermano l'esito :(

quello che non capisco io è perché queste analisi saltino fuori 8 mesi dopo. ci vuole pochissimo a fare le analisi e pochissimo ad avere i risultati (e il tutto con moderne macchine a bassissimo tasso d'errore). perché allora tutto questo tempo?

non discuto che siano analisi accurate, ecc... però ci vorrebbe molta più trasparenza in queste cose :ok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×