Jump to content

Arpeggi: storia di una canzone


Sig.Bakke

Recommended Posts

http://www.citizeninsane.eu/arpeggi.html

Penso si sia già parlato in passato dello stravolgimento di Arpeggi, tuttavia mi piacerebbe farlo di nuovo, soprattutto per capire i motivi che hanno portato a questo enorme cambiamento.

Mi riferisco, naturalmente, alla versione orchestrale del 2005, sostanzialmente il primo video che trovate nella pagina linkata qui sopra; primo pezzo presentato del futuro In Rainbows (credo) all'epoca Arpeggi era un pezzo più minimalista che rockeggiante, con vari ondes martenot e archi, con una linea vocale decisamente atipica e vari cambi di "rotta" durante lo sviluppo del brano. Insomma, era un pezzo nuovo, bello, potente, che all'epoca, credevo, sarebbe entrato tra i migliori dei Radiohead (e tuttora credo che, in questa versione, possa rientrare nella categoria).

Arpeggi in versione definitiva, ma anche Arpeggi full band del 2006, è una canzone stroncata nel suono, che è diventato più canonico, e banalizzata nella struttura, nel senso che, per una volta, mi trovo d'accordo con Scaruffi che l'ha definita "alla coldplay". Il suono della batteria, intenso per tutto il pezzo, (tranne che nel momento sott'acqua) la rende molto più rockeggiante, e, a mio parere, meno ricercata e raffinata.

Insomma, da una possibile svolta musicale tendente al minimalismo (che, con questo cantato rilassato di Thom, sarebbe stata, imho, letale) per il gruppo, Arpeggi è stata sacrificata per essere suonata full band e inserita in In Rainbows, perchè, sostanzialmente, credo l'abbiano cambiata per questo: non perché il pezzo non convincesse, ma perché, in questo modo, suonava male col resto della produzione del periodo.

Quindi, sostanzialmente, argomenti della discussione sintetizzabili in due punti:

A) Anche secondo voi la Arpeggi finale è la semplificazione di questa, prima, versione, oppure, al contrario, è una canzone migliore?

B ) Se fosse stata Arpeggi (quella del 2005) a dettare il futuro cammino dei Radiohead piuttosto che In Rainbows a piegare Arpeggi, sareste stati soddisfatti?

Io avrei gradito moltissimo (probabilmente più di In Rainbows, per quanto mi piaccia) un album più "sperimentale" che andasse verso la direzione del minimalismo, registrato con una sonorità delicata tipo questa di Arpeggi.

Dubito che qualcosa di simile verrà fatto col prossimo LP, comunque, visto che, suppongo, questa strada interessi solo a certi membri del gruppo (e questo potrebbe essere un punto C) :D

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 138
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

DOMANDA A

Arpeggi di In Rainbows resta la giusta evoluzione della prima versione nonché una canzone pazzesca, di quelle assolutamente made in radiohead per una serie di motivi:

1 - Accordi decisamente ricercati, coldplay mio nonno (o peggio ancora qualcuno aveva tirato in ballo gli U2, che per quanto mi piacciano tantissimo, non hanno certo armonie ricercate).

2 - Struttura 4/4 per quanto riguarda la ritmica ma parti di chitarra che vengono tenute per 15 battiti di metronomo invece degli ovvi 16 (praticamente la prima chitarra suona in 15/4). Questo mancava totalmente nella versione originale

3 - Quando Jonny entra (1:48), suona a sua volta un tempo diverso (5/8) anche se di fatto una cosa simile era la caratteristica principale di Let Down. Non è una novità per i RH, ma resta comunque un qualcosa di qualità nella canzone.

4 - Il pezzo si snoda in varie parti, come in tutti i migliori pezzi dei RH. Di fatto, "stuff happens" all'interno della canzone: il crescendo iniziale fino al "I get eaten by the worms", la parte "sott'acqua", il ri-entro della batteria e di Ed con la chitarra-synth (3:41), la parte cantata finale dopo lo "scoppio" della chitarra campionata tipo "pianola che cade giù dalle scale a chiocciola"

Chiunque ne capisca un'attimo di musica dal punto di vista «"tecnico"» secondo me si rende conto perfettamente di quanto Arpeggi sia un'ottimo pezzo, lontano anni luce dagli stereotipi del pop-rock.

Se però si fanno ragionamenti del tipo "violini=ricercatezza; batteria=banalità", direi che c'è grossa crisi...

:ph34r:

Scaruffi non capisce un cazzo di musica dal pdv di mani sugli strumenti e penna sullo spartito, e lo ha dimostrato miliardi di volte. Secondo lui Freddy Mercury è un cantante mediocre, Hammet dei Metallica è più tecnico di Van Halen e via così. A questo aggiungici il fatto che odio la musica britannica in generale e che riesce a dire cose intelligenti solo riguardo il prog rock, l'art-rock degli anni 70, l'underground americano anni 80 e il dream-pop/psichedelia anni 90 (sempre tutto made in USA tranne i MBV) e il risultato è che le recensioni di Scaruffi dei Radiohead sono semplicemente inutili.

DOMANDA B

Per quanto non considereri la vecchia Arpeggi come un pezzo finito, mi sarebbe piaciuto se avesse potuto influenzare In Rainbows e non viceversa dato che secondo me sarebbe MOLTO, MA MOLTO interessante se i RH si dessero a quei tipi di arrangiamenti per un disco intero (ricordiamoci che Jonny suona la viola) arrivando a un qualcosa a metà strada tra certi pezzi di Automatic for the People dei R.E.M., i Beatles del White Album e forse certe cose post-rock (ma non tipo Mogwai con le distorsioni a palla).

Link to comment
Share on other sites

SIg. Bakke, non credo che sia In Rainbows ad avere piegato arpeggi, ogni loro canzone ha avuto una sua evoluzione creativa indipendetendalle altre, per ognuna si carcava di raggiungere la forma pià compiuta e che ne sfruttasse al meglio le potenzialità (che lo si sia ottenuto è altro discorso)...la percezione di In Rainbows come album, è il risultato dell'insieme di queste canzonis clete, ma èe una cosa di successivo, anche perchè hanno scelto e scartato canzoni finite, fino all'ultimo momento.

Link to comment
Share on other sites

totalmente d'accordo col sergente bacco. arpeggi banalizzata. poche chiacchiere sui giri di chitarra e su quanti nodi si fa phil alle scarpe, tanto non verranno mai al pettine. :prego:

quella batteria l'ha uccisa.

demolita.

e ricostruita.

per mesi la detestavo. poi mi ha affascinato, ma solo dopo aver preso consapevolezza di un amore finito. poteva aver sviluppi eterei alla pyramid song per me, hanno scelto invece quelli più piacioni.

per voi, fans dell'ultima ora.

Link to comment
Share on other sites

a me la versione orchestrale non è mai piaciuta...l'ho sempre trovata eccessivamente barocca e dolciastra, ai margini della stucchevolezza direi

la versione di Ir è, come quasi tutto il disco, bella ma scontata...

Link to comment
Share on other sites

DOMANDA A

Arpeggi di In Rainbows resta la giusta evoluzione della prima versione nonché una canzone pazzesca, di quelle assolutamente made in radiohead per una serie di motivi:

1 - Accordi decisamente ricercati, coldplay mio nonno (o peggio ancora qualcuno aveva tirato in ballo gli U2, che per quanto mi piacciano tantissimo, non hanno certo armonie ricercate).

2 - Struttura 4/4 per quanto riguarda la ritmica ma parti di chitarra che vengono tenute per 15 battiti di metronomo invece degli ovvi 16 (praticamente la prima chitarra suona in 15/4). Questo mancava totalmente nella versione originale

3 - Quando Jonny entra (1:48), suona a sua volta un tempo diverso (5/8) anche se di fatto una cosa simile era la caratteristica principale di Let Down. Non è una novità per i RH, ma resta comunque un qualcosa di qualità nella canzone.

4 - Il pezzo si snoda in varie parti, come in tutti i migliori pezzi dei RH. Di fatto, "stuff happens" all'interno della canzone: il crescendo iniziale fino al "I get eaten by the worms", la parte "sott'acqua", il ri-entro della batteria e di Ed con la chitarra-synth (3:41), la parte cantata finale dopo lo "scoppio" della chitarra campionata tipo "pianola che cade giù dalle scale a chiocciola"

Chiunque ne capisca un'attimo di musica dal punto di vista «"tecnico"» secondo me si rende conto perfettamente di quanto Arpeggi sia un'ottimo pezzo, lontano anni luce dagli stereotipi del pop-rock.

Se però si fanno ragionamenti del tipo "violini=ricercatezza; batteria=banalità", direi che c'è grossa crisi...

:ph34r:

Scaruffi non capisce un cazzo di musica dal pdv di mani sugli strumenti e penna sullo spartito, e lo ha dimostrato miliardi di volte. Secondo lui Freddy Mercury è un cantante mediocre, Hammet dei Metallica è più tecnico di Van Halen e via così. A questo aggiungici il fatto che odio la musica britannica in generale e che riesce a dire cose intelligenti solo riguardo il prog rock, l'art-rock degli anni 70, l'underground americano anni 80 e il dream-pop/psichedelia anni 90 (sempre tutto made in USA tranne i MBV) e il risultato è che le recensioni di Scaruffi dei Radiohead sono semplicemente inutili.

DOMANDA B

Per quanto non considereri la vecchia Arpeggi come un pezzo finito, mi sarebbe piaciuto se avesse potuto influenzare In Rainbows e non viceversa dato che secondo me sarebbe MOLTO, MA MOLTO interessante se i RH si dessero a quei tipi di arrangiamenti per un disco intero (ricordiamoci che Jonny suona la viola) arrivando a un qualcosa a metà strada tra certi pezzi di Automatic for the People dei R.E.M., i Beatles del White Album e forse certe cose post-rock (ma non tipo Mogwai con le distorsioni a palla).

ci metto la firma anche io

Link to comment
Share on other sites

poteva aver sviluppi eterei alla pyramid song per me, hanno scelto invece quelli più piacioni.

per voi, fans dell'ultima ora.

ma non direi proprio "sviluppi piacioni", dai!

e poi chi sarebbero qui i fan dell'ultim'ora?

no guarda, quella batteria-trenino indierock costante, e il fatto che gli arpeggi siano stati affidati alle sole chitarre, ne ha tagliato un buon 50% del potenziale.

la versione del 2005 non si può dire sia bella o brutta, era ancora una nuvola. che però profumava di arte. vera.

questa versione invece, così com'è, è solo una bella canzone.

checchè ne diciate tu e il tuo collega franz, brutti nerd britannici che non siete altro! :D

per fans dell'ultima ora intendo tutti i fans dell'ultima ora appunto! :lol: quelli neo iscritti, che li hanno conosciuti da poco. grazie anche all'ammiccamento di pezzi come arpeggi.

Link to comment
Share on other sites

per fans dell'ultima ora intendo tutti i fans dell'ultima ora appunto!  :lol: quelli neo iscritti, che li hanno conosciuti da poco. grazie anche all'ammiccamento di pezzi come arpeggi.

Guarda che frequento message board dei RH dal 2000 e li ho visti dal vivo 17 (diciassette) volte. Su scatterbrain ci bazzicavo nel 2003. Idem per cuttoshreds (che segue il gruppo, anzi, da anche prima). Chi sarebbe il fan dell'ultima ora?

Gli elementi che ho evidenziato sono elementi importanti nella forma attuale di Arpeggi. La versione orchestrale era probabilmente il risultato di un Thom che ha fatto musica da solo per un po' durante la pausa che il gruppo si prese dopo HTTT.

Potete preferire quello che volete, ma non venitemi a dire che, in sé, Arpeggi di in Rainbows è un pezzo banale o piatto. Se poi gli elementi OGGETTIVI che ho elencato secondo voi non sono degni di lode, non so che dirvi.

Link to comment
Share on other sites

per fans dell'ultima ora intendo tutti i fans dell'ultima ora appunto!  :lol: quelli neo iscritti, che li hanno conosciuti da poco. grazie anche all'ammiccamento di pezzi come arpeggi.

Guarda che frequento message board dei RH dal 2000 e li ho visti dal vivo 17 (diciassette) volte. Su scatterbrain ci bazzicavo nel 2003. Idem per cuttoshreds (che segue il gruppo, anzi, da anche prima). Chi sarebbe il fan dell'ultima ora?

Gli elementi che ho evidenziato sono elementi importanti nella forma attuale di Arpeggi. La versione orchestrale era probabilmente il risultato di un Thom che ha fatto musica da solo per un po' durante la pausa che il gruppo si prese dopo HTTT.

Potete preferire quello che volete, ma non venitemi a dire che, in sé, Arpeggi di in Rainbows è un pezzo banale o piatto. Se poi gli elementi OGGETTIVI che ho elencato secondo voi non sono degni di lode, non so che dirvi.

tu sei un nerd perso.

non fai testo.

controlla, rileggi, e riprova.

Link to comment
Share on other sites

tu sei un nerd perso.

non fai testo.

controlla, rileggi, e riprova.

Invidioso è l'uomo che critica?

Prima mi davi del novellino, poi quando si scopre che li conosco da molto e li ho seguiti molto, scatta l'invidia, malcelata dalla critica?

novellino te lo stai dando da solo.

il rileggi era riferito a quello.

parlavo dei/e/ai nuovi iscritti, fan che li conoscono da poco.

che mi frega poi da quanto li conosci? :lol:

lo vedi che non mi stai dando grossi motivi per dubitare della tua nerdaggine?

Link to comment
Share on other sites

' date='May 31 2009, 11:31 PM'] Massimo, obiettivamente certe volte (come in questo caso) con il tuo modo di esprimerti è facile che tu venga frainteso :ok:

con un po' più di chiarezza non sorgono problemi ;)

Massimiliano, intanto con te non ho ancora finito, dopo facciamo i conti :laugh:

poi, si, quando c'è un fraintendimento è buona usanza specificare, ed infatti poi ho specificato, dato che cut per esempio si era sentito chiamato in causa quando non stavo affatto parlando di lui, mi riferivo ai ggiovani.

certo che se anche dopo quel po' di chiarezza fatta mi si risponde con la spocchia gallagheriana allora beh c'è solo da sbizzarrirsi. :ok:

Link to comment
Share on other sites

Guarda che frequento message board dei RH dal 2000 e li ho visti dal vivo 17 (diciassette) volte.

comunque Franz, forse perché ti ho conosciuto con la combriccola Geox-Paola-Giovanna, pensavo li avessi visti più volte :P Io sono a quota 14, se faccio Praga-Poznan-Reading, ti sono alle costole :D

Ok chiuso il mio off topic.

Il mio punto è uno solo: ognuno può preferire la versione che vuole, ci mancherebbe, però la parola BANALE e la canzone Arpeggi nella stessa frase non si possono sentire. Che poi il suono della batteria vi faccia schifo è un altro discorso, e non ho niente da sindacare su quello ;)

Link to comment
Share on other sites

poi, si, quando c'è un fraintendimento è buona usanza specificare, ed infatti poi ho specificato, dato che cut per esempio si era sentito chiamato in causa quando non stavo affatto parlando di lui, mi riferivo ai ggiovani.

certo che se anche dopo quel po' di chiarezza fatta mi si risponde con la spocchia gallagheriana allora beh c'è solo da sbizzarrirsi. :ok:

a volte fare un passo indietro per venirsi incontro non fa male.

se necessario anche due ;)

Link to comment
Share on other sites

reputo reckoner e arpeggi i due capolavori di ir... a me sembra infinite volte piu piaciona la versione del 2005 e sto discorso sulla sperimentazione non lo seguo piu... certe volte ho l'impressione che kida ci abbia distrutto il giudizio, come se dopo il capolavoro che è stato ricercassimo sempre le stesse atmosfere.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...