Jump to content

Recommended Posts

Climbing up the Walls!

Realizzato in collaborazione con Andrea Fantechi

climbingupthewalls-2009.jpg

Spero vi piaccia :)

Non avevo mai ascoltato seriamente il testo di questa canzone fin quando non ho letto la traduzione in italiano su A Kid. Mi ha talmente colpito da ispirarmi questa illustrazione sul momento, lo ritengo uno dei testi migliori di Thom.

Link to post
Share on other sites

Come mai hai accentuato così tanto la muscolatura?

Non mi pare accentuata, se intendi "gonfiata".

Se intendevi "dato importanza a" perché ritengo che in questo modo l'immagine sia più potente&funzionale.

Riguardo Blake: adoro le sue poesie e anche alcune incisioni, ma in questo caso se l'influenza c'è stata è stata del tutto indiretta :)

Link to post
Share on other sites
Come mai hai accentuato così tanto la muscolatura?

Non mi pare accentuata, se intendi "gonfiata".

Se intendevi "dato importanza a" perché ritengo che in questo modo l'immagine sia più potente&funzionale.

Si, ho usato il termine sbagliato.

Link to post
Share on other sites
  • 10 years later...

Climbing Up The Walls

1. demo casalinga dove Thom ha programmato la ritmica elettronica e suonato le chitarre

2. archi scritti da Jonny isolati (capolavoro)

3. Jonny che svisa sulle stazioni radio

4. Thom che canta attraverso i microfoni della chitarra acustica elettrificata 

5. versione live full band (estate 1996)

 

Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Lacatus said:

Climbing Up The Walls

1. demo casalinga dove Thom ha programmato la ritmica elettronica e suonato le chitarre

2. archi scritti da Jonny isolati (capolavoro)

3. Jonny che svisa sulle stazioni radio

4. Thom che canta attraverso i microfoni della chitarra acustica elettrificata 

5. versione live full band (estate 1996)

 

Sugli #archidigionni a parte il solito Pendercki, mi ha ricordato molto questa, ma forse solo perché avevo appena finito di ascoltarla: 

 

Comunque le manipolazioni alla radio sono una roba stratosferica! 

Climbing è un pezzo, tra i pochi di ok computer, penso anche più della bistrattata Electioneering, che riesco ad ascoltare solo in alcuni momenti, penso sia uno dei pezzi più densi dei Radiohead, nella discografia dei Radiohead un momento così denso e disperato lo trovo solo nell'outro di There There, non so spiegare cos'è, è un inquietudine che sento spesso dentro, come scappare senza via d'uscita, completamente al buio. 
Pensandoci pure forse nel finale di Bodysnatchers c'è questa cosa che dico io. 
 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...