Jump to content

AMSP vs ALFAA - Il Sondaggio


@li

AMSP vs ALFAA  

20 members have voted

  1. 1. Domanda secca senza pensarci troppo. Quale preferite?

    • A Moon Shaped Pool
      12
    • A Light for Attracting Attention
      8


Recommended Posts

Ho votato per ALFAA. Confrontandoli in base ai seguenti parametri:

  • In ALFAA mi piacciono tantissimo tutti 13 i brani, in AMPS quasi tutti, ma non ho mai apprezzato Burn the Witch. Daydreaming mi piace molto ma credo che la sua posizione nel tracklist non lo aiuta.
  • AMPS per quanto pieno di bei pezzi mi è sempre sembrato una sorta di operazione di svuota frigo (anche se escludiamo BTW in quanto mai sentito prima, comunque ci sono almeno 4 brani che giravano nei live da molti anni su un totale di 11 nel tracklist  = 36%). Mentre ALFAA è molto più fresco e nuovo da questo punto di vista (2 brani noti ma sconvolti nell'arrangiamento su un totale di 13 = 15%).
  • AMPS è eseguito ed arrangiato in modo magistrale ma mi da una sensazione un po stantio, di chiusura e la non ricerca del nuovo ma di affinare il vecchio. ALFAA mentre contiene sempre l'esperienza e la magistralità trabocca di nuova vita, è aperta e prospetta una strada nuova da percorrere piena di speranza. 
  • ALFAA rappresenta il proverbiale "cambio di direzione" che nei momenti migliori i Radiohead ci offriva tra un album ed un altro. AMPS non cambia nulla ma perfeziona.
  • Funzionano entrambi come album raccolta e nessuno delle 2 è particolarmente coeso, ma anche per questo parametro noto che il flusso dei brani in ALFAA è migliore di quello in AMSP.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Concordo con Billy. Aggiungo che a mio gusto, molto semplicemente, in AMSP ci sono quasi 5 pezzi che non mi convincono del tutto. Su 11, non è poco. Sicuro che con ALFAA sono più indulgente, ma li i difetti li limo molto più volentieri con un'atmosfera del disco decisamente più rilassata e guascona in alcuni casi. Poi ce voglia di provare soluziioni nuove, pur nel solco della tradizione Yorke-Greenwoodiana. 

Poi non so come valuterò i The Smile 1 tra 5 anni, ma insomma.

Link to comment
Share on other sites

1 minute ago, Wanderer said:

Concordo con Billy. Aggiungo che a mio gusto, molto semplicemente, in AMSP ci sono quasi 5 pezzi che non mi convincono del tutto. Su 11, non è poco.

Pure per me.

Non so quali siano i quasi cinque tuoi, i quasi cinque miei sono: 

  • Burn The Witch
  • Daydreaming
  • Identikit
  • The Numbers
  • True Love Waits

Mentre di ALFAA mi piacciono tutte, comprese le bistrattate Television, Smoke e Opposite B) 

Link to comment
Share on other sites

Per me sono The Numbers, Tinker, Identikit, Ful Stop, Burn The Witch e True Love Waits l'apprezzo, ma la preferisco acustica.

Daydreaming sempre ammirata, ma amata mai.

 

***
 

Su ALFAA ci sono sicuramente altri pezzi non irresitibili (Opposite, TV, smoke, Knowledge...) , ma il disco scorre meglio e ha un energia che personalmente apprezzo. Oltre al fatto che in quasi ogni brano, anche in quelli minori c'è un qualcosa di iteressante come arrangiamento. A pelle mi piace di più e lo ascolto più volentieri 

Link to comment
Share on other sites

Figo risposte interessantissime.
Io penso di preferire AMSP in toto, piu' di pancia che mettendomi col bilancino sui brani.

Tutti e due i dischi hanno delle perle (AMSP per me BTW, Decks Dark, PT e Tinker su tutti. Daydreaming mai amata), ALFAA (Floodgates, Speech Bubbles, Thin Thing, Skirting), tutti e due hanno degli scivoloni (AMSP: Full Stop, The Numbers - ALFAA The Smoke, The Opposite). Quindi secondo me siamo li li.... va a gusti.

Pero' AMSP ha quell'aura di "sofferenza radioheaddica" che in ALFAA manca (e che forse è anche in parte il suo bello).
Di fatto io ho una posizione democristiana: mi piacciono entrambi per le loro caratteristiche antitetiche, ma se devo scegliere il cuore chiama AMSP.

Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, @li said:

Pero' AMSP ha quell'aura di "sofferenza radioheaddica" che in ALFAA manca (e che forse è anche in parte il suo bello).

Sarò strano io, ma Speech Bubbles, Free In The Knowledge, e in un certo qualmodo anche Floodgates mi commuovono tantissimo e le annovererei nella categoria "aura di sofferenza" senza problemi.

Link to comment
Share on other sites

5 minutes ago, Lacatus said:

Sarò strano io, ma Speech Bubbles, Free In The Knowledge, e in un certo qualmodo anche Floodgates mi commuovono tantissimo e le annovererei nella categoria "aura di sofferenza" senza problemi.

commuovono anche me ma le sento molto diverse. 

Un esempio:
In Decks Dark si sente proprio il "peso" della sofferenza, in Floodgates la leggerezza di vederne una via d'uscita (someone lead me out of darkness vs a spacecraft blocking out the sky and there's nowhere to hide). Secondo me le lyrics, in entrambi i casi, si traducono molto bene anche musicalmente.

Link to comment
Share on other sites

1 minute ago, @li said:

Ma smettila 😂

Se mai uscirà LP10, gli stessi che hanno votato Stagno, ameranno ALFAA e disprezzeranno LP10: è sempre così, ci si affeziona sempre al disco precedente, fino a quando quello nuovo non viene metabolizzato. 

Come ha ricordato qualcuno: ai tempi di Ok Computer la gente voleva Creep, ai tempi di Kid A la gente voleva Ok Computer, ai tempi di Hail To The Thief la gente voleva Kid A e così via...

Link to comment
Share on other sites

5 minutes ago, Lacatus said:

Se mai uscirà LP10, gli stessi che hanno votato Stagno, ameranno ALFAA e disprezzeranno LP10: è sempre così, ci si affeziona sempre al disco precedente, fino a quando quello nuovo non viene metabolizzato. 

Come ha ricordato qualcuno: ai tempi di Ok Computer la gente voleva Creep, ai tempi di Kid A la gente voleva Ok Computer, ai tempi di Hail To The Thief la gente voleva Kid A e così via...

Ah si vero questo l’ho sempre notato anche io più o meno.

Link to comment
Share on other sites

28 minutes ago, @li said:

Chi sono gli altri 3 che hanno votato AMSP?

dai dichiariamo il voto motivandolo se no ha poco senso. 

non ho ancora votato, mi trovo in difficoltà, però due tre cose sento di doverle dire prima del voto,

ok che lo Stagno non sia un album "innovativo", però quando sento BTW vi chiedo: avevano mai scritto prima un pezzo simile? ovvero un brano che praticamente si regge solo sugli archi per tutto il tempo? mi pare di no, può non piacere certo, ma non si può dire che non sia qualcosa di nuovo (almeno nella loro discografia)

Daydreaming: (capolavoro assoluto nella loro carriera e fatico realmente a comprendere chi non l'apprezzi) idem, anche qui, un brano che si regge solo sull'andamento ipnotico del piano, poi entra il synth, niente percussioni, sembrerebbe quasi un pezzo ambient se non cantasse...e il finale pazzesco, non mi sembra che prima avessero scritto un brano strutturato in questo modo o sbaglio? forse solo Videotape ma lì poi entra il loop di batteria-percussioni che cambia completamente tutto e il piano viene suonato in modo differente; quindi anche per Daydreaming abbiamo qualcosa di nuovo;

Present Tense: avevano mai pubblicato un brano così? con quell'atmosfera latina da samba-bossa nova? mi par di no..

The Numbers (che non mi piace granchè): un brano metà strada tra Nina Simone e un po' Emerson, Lake & Palmer, faccio fatica a trovare un brano simile negli altri album

quindi per carità può non piacere: perché magari uno si aspettava altro, perché è un po' "manierista", perché comprende tanti brani "vecchi" e già sentiti, fin troppo curato forse, poco "sporco", tutto quello che volete, ma non è che non presenti brani diversi rispetto ai precedenti album.

ora voto 🤣

 

 

Link to comment
Share on other sites

A Moon Shaped Pool, ma c'entra ovviamente tanto il legame affettivo che ho con quell'album e la nostalgia. AMSP è stato il primo (e chissà, forse rimarrà l'unico) album dei Radiohead che ho visto in diretta, ricordo le discussioni che leggevo qui sopra da non iscritto, ricordo la sparizione dai social, fino a quella domenica in cui scaricai Tidal soltanto per ascoltarlo. Poi tante di quelle canzoni le ho ascoltate nei momenti più disparati, senza contare i concerti. 

 

Inoltre per me scorre più veloce e unito di ALFAA, e il secondo picchi come Decks Dark, Daydreaming e Present Tense non so se li raggiunge, o meglio musicalmente obiettivamente sì, ma senza quell'atmosfera Radioheadiana.   Di AMSP preferisco anche i testi, quell'atmosfera così spettrale, riflessiva, di ricordo e nostalgia che permea tutto l'album (non apprezzo molto il Thom attivista...non per il contenuto, ma per come lo comunica, penso sia più bravo a parlare di altro diciamo), sia il cantato di Thom, che a volte su ALFAA mi da quasi fastidio. Però sì, su ALFAA ci sono momenti musicali che alle mie orecchie appaiono più interessanti...sostituirei volentieri canzoni del primo con canzoni del secondo, e c'è molta possibilità che se i due album fossero stati l'opposto, cioè ALFAA LP9 e AMSP The Smile, io starei dicendo il contrario...mi vedo assolutamente nel 2016 a struggermi per la combo Open The Floodgates Free In The Knowledge, cambierei assolutamente Desert Island Disk e The Numbers con Thin Thing e We Dont Know ecc, soprattutto live ahaha, ma al cuor non si comanda

Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, myxo said:

non ho ancora votato, mi trovo in difficoltà, però due tre cose sento di doverle dire prima del voto,

ok che lo Stagno non sia un album "innovativo", però quando sento BTW vi chiedo: avevano mai scritto prima un pezzo simile? ovvero un brano che praticamente si regge solo sugli archi per tutto il tempo? mi pare di no, può non piacere certo, ma non si può dire che non sia qualcosa di nuovo (almeno nella loro discografia)

Daydreaming: (capolavoro assoluto nella loro carriera e fatico realmente a comprendere chi non l'apprezzi) idem, anche qui, un brano che si regge solo sull'andamento ipnotico del piano, poi entra il synth, niente percussioni, sembrerebbe quasi un pezzo ambient se non cantasse...e il finale pazzesco, non mi sembra che prima avessero scritto un brano strutturato in questo modo o sbaglio? forse solo Videotape ma lì poi entra il loop di batteria-percussioni che cambia completamente tutto e il piano viene suonato in modo differente; quindi anche per Daydreaming abbiamo qualcosa di nuovo;

Present Tense: avevano mai pubblicato un brano così? con quell'atmosfera latina da samba-bossa nova? mi par di no..

The Numbers (che non mi piace granchè): un brano metà strada tra Nina Simone e un po' Emerson, Lake & Palmer, faccio fatica a trovare un brano simile negli altri album

quindi per carità può non piacere: perché magari uno si aspettava altro, perché è un po' "manierista", perché comprende tanti brani "vecchi" e già sentiti, fin troppo curato forse, poco "sporco", tutto quello che volete, ma non è che non presenti brani diversi rispetto ai precedenti album.

ora voto 🤣

 

 

OT ma non sapevo dove metterlo

Penso sempre che daydreaming (che pezzo!)abbia ereditato la veste di questa 

 

e quanto the smile ci sento! 💖

Link to comment
Share on other sites

13 hours ago, @li said:

Chi sono gli altri 3 che hanno votato AMSP?

dai dichiariamo il voto motivandolo se no ha poco senso. 

Io. E non me ne vergogno. Ma non ne faccio una questione tecnica o di sonorità perché non avrei i mezzi per fare analisi di questo tipo. Semplicemente il lato affettivo ed emotivo di quell'album legato a un periodo particolare mi lascia propendere per questa scelta. Ma ALFAA mi piace eccome e questi sondaggi sono un giochino per fans ossessivi e maniacali come noi, quindi non vanno presi troppo sul serio. 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...