Jump to content

Recommended Posts

vorrei sapere se è un modo di dire inglese oppure se è proprio una frase dei RH.......poi vi spiego perchè mi interessa tanto ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

che sappia io, non è un modo di dire...è da un pezzo che vivo in inghilterra e non l'ho mai sentito! poi se passa the original bananaco che è IL vero bilingue della board, magari te lo può confermare...

perchè ti incuriosiva?

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è un libro di un architetto contemporaneo (Rem Koolhaas) che parla di architettura, politica, mass media ecc..... in questo testo c'è una pagina con sotto scritto "no alarms" affiancata ad un'altra che riporta la frase "no surprises"......

questa è la copertina

1content.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
figata! deve essere interessante 'sto libro

in realtà non è proprio un libro ma è una specie di rivista corposissima.....è in inglese quindi faccio fatica a leggerlo....conto però di impegnarmi seriamente appena ho un po' di tempo.....comunque è veramente bello, dalla grafica accattivante ai contenuti interessanti....

Share this post


Link to post
Share on other sites

è possibile.....è quello che cerco di capire, se la frase non fosse un detto inglese allora sarebbe anche possibile......conoscendo l'autore non è impossibile

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi sto sentendo no surprises ininterrottamente da una ventina di minuti circa, e non riesco a non pensare che è proprio bella...fresca... cioè, non è mai stata la mia canzone preferita, tutt'altro, l'ho quasi sempre snobbata un po'! però stasera ho immaginato di sentirla per la prima volta, ed è raro che la prima volta che sento un pezzo nuovo penso che sia così bella...sembra senza pensieri...

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, Lacatus said:

@Valderrama quindi tu interpreti "a handshake of carbon monoxide" come il classico suicidio in garage con tubo di scappamento?
Non ci avevo mai pensato :azz:

Come ho scritto qui 

puó avere anche altre interpretazioni, peró ecco il primo messaggio che filtra è quello di un uomo stanco della società turbo-capitalista che vuole farla finita, secondo me :uhm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, Valderrama said:

Come ho scritto qui 

puó avere anche altre interpretazioni, peró ecco il primo messaggio che filtra è quello di un uomo stanco della società turbo-capitalista che vuole farla finita, secondo me :uhm:

Sembra quasi passi in rassegna varie fasi della sua insoddisfazione che lo inducono poi al suicidio...

-heart full like a land fill (donne)
-job that slowly kills you (lavoro)
-bring down the governament / they don't speak for us (politica)

Ma il  suicidio potrebbe essere anche metaforico: "quiet life", "pretty house and pretty garden", "no alarms and no surprises", un po' come nel celebre monologo di Trainspotting...

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Lacatus se cerchi sul web comunque ci sono tante possibili interpretazioni, ovviamente, sopratutto qui 

http://songmeanings.com/songs/view/562/ e qui https://www.reddit.com/r/radiohead/comments/29micw/how_do_you_interpret_no_surprises/

Ce son tante di valide, tipo:

"It could be applied to aging baby boomers who used to protest the government (You were so tired, happy, bring down the government, they don't, they don't speak for us) who have resignated themselves to high-stress jobs where they are subjected to heart disease or exposed to dangerous chemicals that are killing them (a job that slowly kills you), eating foods that clog their arteries and smoke and drink so that their body is full of poisons (A heart that's full up like a landfill), and they are slowly coming down with cancer, strokes, and heart attacks (some cancers have symptoms of bruises that don't go away and heart attacks and strokes can be brought on by blood clots blocking blood vessels and don't move), so they deal with businesses that poison the air (I'll take the quiet life, a handshake of carbon monoxide) such as the automobile industry. No longer arguing or protesting (Silent, silent). They may be on their death bed with a terminal disease caused by their lifestyle of the aforementioned or it could be their last time mentioning their dissent before taking in a life of pure acquiescence (This is my final fit, my final bellyache). They trade in the thrill and flavor of their life for the security of assimilation and in exchange for acceptance they get their house in the suburbs complete with a yard and 2.5 children (Such a pretty house, such a pretty garden). And they don't want any stirring up of their past excitement (No alarms and no surprises, please)"

Comunque nella maggior parte delle interpretazioni si fa riferimento a tendenze suicide :uhm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, Lacatus said:

Sembra quasi passi in rassegna varie fasi della sua insoddisfazione che lo inducono poi al suicidio...

-heart full like a land fill (donne)
-job that slowly kills you (lavoro)
-bring down the governament / they don't speak for us (politica)

Ma il  suicidio potrebbe essere anche metaforico: "quiet life", "pretty house and pretty garden", "no alarms and no surprises", un po' come nel celebre monologo di Trainspotting...

Si sicuramente puó essere anche metaforico, d'altronde ci son pochissimi testi di Thom dal significato univoco e chiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes ago, Valderrama said:

Comunque nella maggior parte delle interpretazioni si fa riferimento a tendenze suicide :uhm:

Beh quella stretta di mano col monossido di carbonio è abbastanza eloquente in effetti :uhm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, Lacatus said:

Beh quella stretta di mano col monossido di carbonio è abbastanza eloquente in effetti :uhm:

Peró l'interpretazione che ho riportato sopra che fa riferimento ai baby boomers è ugualmente "intrigante"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche il "silent" e il "this is my final fit, my final bellyache" possono essere interpretati come una volontà suicida, ma potrebbe appunto essere un suicidio metaforico, la rinuncia al voler scappare in altri mondi di cui parlavano Subterranean Homesick Alien e Let Down :uhm:

 

Poi per fortuna c'è Lucky, un po' di ottimismo, e forse quel pull me out of the lake è riferito alla get me out of there di No Surprises :uhm: 

 

Vabbè scusate mi sono lasciato un po' andare, spero di non aver scritto troppe cavolate :laugh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interpretazione molto valida anche questa, sicuramente.

D'altronde No Surprises preso singolarmente come pezzo senza testo puó essere interpretato come una lullaby quasi sognante che puó riferirsi sia ad un suicidio "sereno" perché il protagonista è ormai rassegnato sia come una musica dolce (che funge da presa per il culo) in riferimento ad in un individuo borghese che vegeta fino alla fine dei suoi giorni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minutes ago, Lacatus said:

Sembra quasi passi in rassegna varie fasi della sua insoddisfazione che lo inducono poi al suicidio...

-heart full like a land fill (donne)
-job that slowly kills you (lavoro)
-bring down the governament / they don't speak for us (politica)

Ma il  suicidio potrebbe essere anche metaforico: "quiet life", "pretty house and pretty garden", "no alarms and no surprises", un po' come nel celebre monologo di Trainspotting...

 

"Such a pretty house, such a pretty garden" -- ho sempre interpretato questa canzone come illustrazione sarcastica dell'assurdità della vita di piccola borghesia del mondo moderno. Farsi un culo cosi' dalla mattina alla sera per avere una vita di routine ("no surprises") dove il massimo dell'asperazione è avere una piccola casa con un giardino in periferia. Il "carbon monoxide" è quello per me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minutes ago, CutToShreds said:

"Such a pretty house, such a pretty garden" -- ho sempre interpretato questa canzone come illustrazione sarcastica dell'assurdità della vita di piccola borghesia del mondo moderno. Farsi un culo cosi' dalla mattina alla sera per avere una vita di routine ("no surprises") dove il massimo dell'asperazione è avere una piccola casa con un giardino in periferia. Il "carbon monoxide" è quello per me.

esattamente la stessa interpretazione che ne ho sempre dato io. So che molti interpretano il "carbon monoxide" come un riferimento esplicito al suicidio, io invece l'ho sempre visto come una metafora di tutto ciò che soffoca lentamente giorno dopo giorno chi sceglie una vita fatta di routine e apparenze, è l'acqua che nel video sale piano piano fino a togliere il respiro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine è quello che ho detto anche io, nel senso che qualunque interpretazione si dia al testo il riferimento al suicidio è palese ed è la prima cosa che traspare, poi ovviamente andando a fondo nell'interpretazione del messaggio si ha magari un'altra visione di quella che è la vita del protagonista del testo. Tra l'altro, secondo me,  il riferimento al suicidio si collega tematicamente anche a Exit Music, in cui sembra esserci la scena della morte causa tubo di scappamento dell'auto ma stavolta non da solo ma in compagnia dell'amata:

Sing
Us a song
A song to keep
Us warm
There's
Such a chill
Such a chill

Now
We are one
In everlasting peace

Vabbé, vi ho già depresso abbastanza, scusatemi :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minutes ago, Valderrama said:

Alla fine è quello che ho detto anche io, nel senso che qualunque interpretazione si dia al testo il riferimento al suicidio è palese ed è la prima cosa che traspare, poi ovviamente andando a fondo nell'interpretazione del messaggio si ha magari un'altra visione di quella che è la vita del protagonista del testo. Tra l'altro, secondo me,  il riferimento al suicidio si collega tematicamente anche a Exit Music, in cui sembra esserci la scena della morte causa tubo di scappamento dell'auto ma stavolta non da solo ma in compagnia dell'amata:

Sing
Us a song
A song to keep
Us warm
There's
Such a chill
Such a chill

Now
We are one
In everlasting peace

Vabbé, vi ho già depresso abbastanza, scusatemi :ph34r:

Ecco appunto, sono d'accordo con te. Anche perchè la parte this is my final fit etc è bella chiara. Credo come dicono gli altri che il suicidio sia la via di fuga del protagonista dalla vita descritta, quindi in pratica avete tutti ragione:pollice:

La depressione, il disagio e l'alienazione descritti in questo pezzo, e in tutto Ok computer, credo siano il motivo per cui molti amano i Radiohead, quindi non temere, questo è l'ambiente giusto per parlare di tali argomenti:ok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prove di No Surprieses (1996)

1. Thom chitarra acustica e voce (testo diverso, tonalità diversa) -  inverno 1995-96

2. Stessa versione, ma full band (senza Jonny e con Thom alla chitarra elettrica) - inverno 1995-96

3. Versione più simile a quella definitiva (inizia con l'arpeggio di Ed e Thom suona la chitarra acustica, Jonny all'organo Hammond), manca solo il bridge strumentale, sostituito da una lunga coda strumentale. Testo quasi identico alla versione definitiva - primavera 1996

4. Versione ancora più simile a quella definitiva - primavera 1996

5. Versione a sua volta ancora più simile a quella definitiva - primavera 1996

6 . Versione live (qui appare per la prima volta il bridge e anche il controcanto di Ed) - primavera/estate 1996

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 6/11/2017 at 10:54 PM, Lacatus said:

Cioè No Surprises è stata registrata a una velocità superiore a quella in cui la sentiamo e rallentata successivamente con un trucco in studio, un po' come facevano i Beatles. 
Ecco perché le versioni di No Surprises precedenti a Ok Computer sono in una tonalità superiore rispetto a quella pubblicata! Io pensavo l'avessero abbassata di tonalità, invece è stato l'abbassamento di velocità ad abbassarla di tonalità...originariamente è stata registrata in tonalità di Sol bemolle maggiore, invece che di Fa maggiore!
Thom lo spiega nell'intervista a BBC6:

 Later, Yorke discusses the recording of “No Surprises,” during which, apparently, Yorke wanted the band “to sound like we’d all taken Mogadon.” Yorke says, “We tried to play it as slow as we could, but it was never slow enough, because we weren’t on Mogadon. So what we did was, we took an earlier version and just slowed it right down.”

 Ecco come suonava originariamente No Surprises senza rallentamento e conseguente abbassamento di tonalità.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×