Jump to content

Lacatus

Members
  • Posts

    34,597
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

Profile Information

  • Gender
    Male

Recent Profile Visitors

49,216 profile views

Lacatus's Achievements

The damage is done

The damage is done (63/66)

  1. Alla fine sarà Loop<Thin Thing degli Smile Non vedo l'ora di sentire I miei preferiti sono nell'ordine: Phantom Thread, Norwegian Wood e Inherent Vice
  2. Riascoltata la suite Immensità: mammamia che lagna. Autolesionismo
  3. Prendendo spunto da reddit ho creato una mia versione della cronologia delle "ere" dei Radiohea On A Friday (1985-1990) Pablo Honey, The Bends (1991-1995) Ok Computer (1996-1998) Kid A - Amnesiac - Hail To The Thief (1999-2004) In Rainbows - The King Of Limbs (2005-2012) A Moon Shaped Pool (2015-2018) Se ne evince (se ancora ci fosse bisogno di ribadirlo) che dopo A Moon Shaped Pool si è generata una lunghissima fase di inattività del gruppo, che mai (a parte lo iato di 2 anni tra TKOL e AMSP) era rimasto fermo così a lungo. Se i nostri torneranno in studio nel 2022, la pausa tra l'era A Moon Shaped Pool e l'era LP10 durerà 3 anni. Questo fa sì che A Moon Shaped Pool sia un po' un "caso isolato" nella loro discografia, non avendo avuto un'era precedente, né un'era successiva, come nel passato era stato per Ok Computer, isolato rispetto all'era precedente dal drastico cambio di strumentazione (in conseguenza del furto di Denver) e dell'arrivo di Nigel Godrich al timone, e ma isolato rispetto all'era successiva, dalla "svolta elettronica" di Kid A. Sicuramente qualcuno storcerà il naso per il fatto che ho accorpato In Rainbows e The King Of Limbs nella stessa era, pur essendo due album stilisticamente molto diversi. Motivazioni: molte delle canzoni pubblicate in The King Of Limbs o nei singoli, erano stati scritti all'epoca di In Rainbows o nascono dalla manipolazioni di registrazioni delle session di In Rainbows (Magpie, Little By Little, Feral, Supercollider, The Daily Mail, ma penso anche altri...). In pratica le session di TKOL possono essere considerate come un prolungamento di quelle di IR, per completare quei brani che non avevano trovato spazio negli Arcobaleni. L'era In Rainbows-The King Of Limbs è l'era del "pay what you want", cioè delle strategie commerciali alternative, dopo la rottura con la EMI e prima della firma per la XL, che li ripoterà a seguire il mainstream dopo il fallimento dell'esperimento commerciale di Tomorrow's Modern Boxes. Appartengono a quest'era anche esperimenti come la pubblicazione di These Are My Twisted Words e del singolo radioheadiano ma a firma Thom Yorke-Jonny Greenwood Feeling Pulled Apart By Horses, entrambi pubblicati nel 2009 che fanno un po' tra trait-d'union fra IR e TKOL.
  4. Lacatus

    Follow Me Around

    Alzi la mano chi pensa che in concomitanza con l'uscita di Kid A Mnesia il 5 novembre uscirà il singolo/video di Follow Me Around
  5. Tornano i Marlene Kuntz. Il nuovo album, Karma Clima, nascerà da delle sessioni che si terranno tra ottobre e dicembre in tre piccoli borghi della Provincia di Cuneo: https://www.rollingstone.it/musica/news-musica/i-marlene-kuntz-lanciano-karma-clima-un-album-tre-residenze-artistiche/590271/
  6. Lacatus

    verdena

    Io vabbe', lo dico già da qualche anno, mi immagino il loro nuovo disco con una forte componente "classica", quindi, volendo fare un paragone coi Radiohead, un'atmosfera un po' In Rainbows un po' A Moon Shaped Pool e chitarre quasi zero. Se fosse così ignorerebbero completamente il percorso tracciato dai Maneskin. E penso farebbero anche bene, perché li porrebbe su un altro livello. Loro possono permetterselo
  7. Lacatus

    verdena

    Sta per uscire https://www.sentireascoltare.com/news/verdena-nuovo-album-america-latina-fratelli-d-innocenzo/ Comunque vorrei dire una cosa, se permettete: in questo lunghissimo silenzio dal gennaio 2015, data di uscita di Endkadenz, ad oggi la scena musicale italiana ha avuto ben TRE rivoluzioni marzo 2015: nasce il fenomeno Iosonouncane con Die novembre 2015: nasce il fenomeno Calcutta ed esplode l'indie pop all'italiana marzo 2021: nasce il fenomeno Maneskin che portano il rock cantato in italiano alla ribalta a livello MONDIALE. Ciascuno di questi artisti, chi più chi meno, ha citato i Verdena come un influenza principale (qualcuno come Incani ci ha suonato parecchie volte e ha condiviso pure un EP), oppure come tutto l'indie pop, ha in un certo senso dichiarato "guerra" alla musica indipendente "rock" (ricordate le dichiarazioni di Manuel Agnelli sui Thegiornalisti?) In questi anni la premiata ditta Ferrari è rimasta a guardare, nel frattempo sono venuti fuori mille artisti nuovi, Incani ha rincarato la dose, dando il colpo di grazia a tutti con Ira, e il rock italiano è rappresentato dai Maneskin. Cosa vogliamo fare? Continuare a cazzeggiare come i Radiohead con progetti solisti e colonne sonore?
  8. Nuovamente disponibile nel canale YouTube Unofficial Radiohead Interview Public Library
  9. Ok abbiamo capito: barocco andante.
  10. Molto interessante questo potpourri. Si conferma l'uso massiccio di violoncelli e contrabbassi che ha caratterizzato la produzione greenwoodiana da Bodysong fino a Daydreaming, passando per There WIll Be Blood.
  11. La cosa più bella di tutte è che nel frattempo che ci tengono distratti con Kid A Mnesia, Thom e Jonny sanno completando il primo disco degli Smile che uscirà nel 2022
  12. Fantastico! ...e questo è il sito della mostra "How To Disappear Completely: Stanley Donwood x Thom Yorke" https://www.christies.com/features/Radiohead-11846-7.aspx
  13. Lacatus

    Krautrock

    C' è anche la b-side
  14. Lacatus

    Krautrock

    Eya non si smentiscono Tra l'altro scopro che è uscita lo scorso marzo e mica me n'ero accorto
×
×
  • Create New...